Le nuove bollicine romagnole firmate BOLE’: il  marchio di ”Novebolle” | Vinosano

a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Le nuove bollicine romagnole firmate BOLE’: il  marchio di ”Novebolle”

Nove è il numero dei colli romagnoli, ma anche l’inizio di “ Novecento” quel periodo dove in Romagna la spumantizzazione aveva una storia importante ed era apprezzata a livello internazionale. Ma soprattutto Nove rappresenta oggi, un progetto, meglio quel progetto in grado di dare alla Romagna una bollicina identitaria in grado di  affrontare il mercato interno e internazionale.

Bolè nasce dalla collaborazione di due colossi del vino di Romagna, i gruppi cooperativi Caviro e Terre Cevico per diventare il testimonial di un marchio condiviso Novebolle, nato all’interno del Consorzio Tutela Vini di Romagna (oltre 100 cantine sociali) e della nuova Doc, il cui disciplinare già approvato , attende la firma ufficiale al Ministero.

Il progetto vuole valorizzare i vitigni tradizionali, cominciando dal Trebbiano di Romagna il più diffuso sul territorio e il Sangiovese per creare, con una bollicina fresca e dal caratteristico colore a “ buccia di cipolla”, una diversificazione dai grandi rossi strutturati romagnoli.

Ma torniamo alla storia precisamente tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento quando  già era in atto la spumantizzazione  specie in quel di San Mauro, famoso alle cronache per aver dato i natali al grande Giovanni Pascoli. E proprio nelle tenute dei principi Torlonia, amministrate anche dal padre del celebre poeta, che si diffuse il progetto” champagne romagnolo”t ra le numerose aziende locali, da Imola e Cattolica e che gettò le basi del turismo sulla Riviera e del sistema termale, complice ovviamente la Belle Epoque. Tempi lontani? Non proprio Bolè e i due spumanti il Brut e Extra Dry ottenuti con metodo Martinotti-Charmat faranno sicuramente parlare di se.

Emanuela Medi, giornalista

 

Degustazione

Romagna Doc Spumante Bolè

Trebbiano 95%-Famoso5%.

Colore: giallo paglierino con perlage abbastanza fine, numeroso e persistente. Buona complessità e finezza qualitativa dove spiccano i sentori tipici dei vitigni utilizzati.

Al naso: netti i ricordi di fiori bianchi di giglio e acacia con un susseguirsi di sentori fruttati alla pesca nettarina, albicocca dal finale esotico di mango e papaya  per chiudere con  sensazioni mediterranee di giuggiola matura.

Al sorso si presenta secco e fresco con note agrumate che confermano le sensazioni già carpite all’approccio olfattivo. Sapidità accennata in un giusto equilibrio tra durezze e morbidezze. Bolèè un vino dalla fragranza sempre presente. Buono e caratteristico il finale.

Si sposa con piatti di pesce non complessi ma anche tartare di manzo con coulis di frutti di bosco.

Alice Lombardi, sommelier AIS

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino

Nessun commento

Lascia un commento