Vini vegani: la degustazione da Vinosano | Vinosano

a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Vini vegani: la degustazione da Vinosano

DOMINE’: Verdicchio dei Castelli di Jesi – Classico Superiore- 2015 Chiesa del PozzoPivalta

Naso: Dal colore giallo brillante, questo vino dal vitigno tipicamente marchigiano, si presenta al naso di una piacevole freschezza accompagnato da una decisa nota fruttata- agrumata  come pompelmo, ma anche esotica da mango acerbo. Pesca bianca non matura ma fragrante, pera e sentore di mandorla completano il carattere  un poco acerbo del vino. L’assaggio si sviluppa in verticale tra vivace freschezza, tenace sapidità e misurati echi di frutta a polpa gialla, vertendo in chiusura si tipici e piacevoli echi ammandorlati e da asparago selvatico tipico del Verdicchio in giovinezza.

Vino espressione del territorio marchigiano.

LE CARLINE: Refosco dal peduncolo rosso 100%- senza solfiti aggiunti – 2014

Bocca:  Giovanilmente violaceo nella veste, esprime sentori semplici  ma immediati di mirtilli, uva fresca , violette, more di rovo e Pepe nero, con un accenno vegetale.

All’Assaggio è piacevolmente scorrevole , fa della morbidezza la sua dote migliore .èE’sicuramente più piacevole che al naso in quanto  vino non stucchevole.  Bidimensionale per acidità e sapidità  lo rendono un vino” corto” ma bevibile soprattutto per la componente vegetale.

Vino modesto ma molto pulito nel finale in bocca.

CIU’ CIU’-  Saggio- Marche-Sangiovese 100%- 2016

Colore:  Veste tipicamente granata ma sorprendentemente compatta

Naso:  inizialmente severo, composto,  dai sentori di terra bagnata, rami spezzati, humus. Si concede lentamente elargendo note di ciliegia nera, mirtillo, prugna,  rosa selvatica, ruggine e cacao in polvere , caffè. Molte le suggestioni che si rincorrono  senza però” marcare”,  meglio caratterizzare, questo Sangiovese  che è molto marchigiano.

All’assaggio è un vino coerente con l’olfatto e  sicuramente  interessante.  Sorso robusto, scandito da tannini  dolci se pur lievemente polverosi.  Ritorna il fruttato e il balsamico qui con un finale  di media lunghezza .

QUERCIABELLA- Chianti Classico 2013

Colore: rubino brillante, trasparente

Naso: E’ la  quintessenza del Sangiovese nei suoi caratteri più espressivi.  Olfatto molto potente, naso sottile, nitido  e  penetrante . Anche qui grafite, terra bagnata, humus, frutta rossa ribes e ciliegia, spezie, note balsamiche

Bocca: Grande freschezza., spicca l’equilibrio tra la  parte tannica, fruttata  molto leggera e l’acidità Beva snella e scattante, balsamica e ferrosa nel suo finale sottile ma appagante. Espressione chiantigiana del Sangiovese dai profumi  meno penetranti rispetto il Chianti Classico.

E un vino complesso, ben strutturato insomma un Sangiovese che si fa rispettare

 

Emanuela Medi, Giornalista, Sommelier – Raffaele Mosca, Sommelier

Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino

Nessun commento

Lascia un commento