a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
Home2018novembre

novembre 2018

Gli Arabi del deserto furono i primi ad essiccare la pasta per consentire una lunga conservazione. Confezionavano dei cilindretti di pasta forati per permettere una rapida essiccazione: ne parla un documento risalente al IX secolo scritto da Ibran’ al Mibradi, dove è descritto un piatto, l’attuale ”rista” ancora in uso tra le tribù berbere e beduine in Siria e Libano,  costituito da maccheroni cotti conditi in vario modo, soprattutto lenticchie.

Generalmente nel mese di Settembre a Procida fervono i preparativi per la vendemmia. E, anche se certo essi non sono specifici di questa isola, ma possiamo ritrovarli un po’ prima o un po’ dopo in tutti i paesi mediterranei dove si coltiva la vite e si fa il vino, a Procida sembrano legarsi, forse più che altrove, a tanti altri lavori, sia manuali, sia, in un certo modo intellettuali, che rendono quest’isola un po’ speciale.

“L’unione fa la forza e con questa sinergia il nostro obiettivo è portare la cultura del vino in ogni parte d’Italia e dare la possibilità a ognuno di trovare la propria dimensione” – sono queste le prime dichiarazioni di Davide Marotta, presidente di Assosommelier, uno dei 3 membri della nuova alleanza sottoscritta con Onav (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino) e Aspi (Associazione delle Sommellerie Professionale Italiana).

Il Parmigiano Reggiano è tra i formaggi più antichi e ricchi di grandi dimensioni si che si  conoscono: i monaci benedettini che nel Medioevo avviarono la produzione di grandi forme destinate ad una lunga stagionatura non usavano additivi né conservanti. Dopo nove secoli il Parmigiano Reggiano usa gli stessi ingredienti: latte crudo, sale, caglio che con l’antica artigianalità, i maestri caseari  trasformano nel formaggio più conosciuto e venduto al mondo. CIBOSANO propone un filmato prodotto dal Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano, inaugurando, la domenica, un nuovo filone sulla lavorazione, la storia, la cultura della nostra enogastronomia. Emanuela Medi giornalista, sommelier