a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi

settembre 2019

Modigliana, dal 7-8-9 settembre  è protagonista della terza edizione di un evento che ha molto da dire e da farsi.. degustare: protagonisti    i vini Modigliana 2018 e  Modigliana Riserva 2016( e altri vini)  presentati da  11 produttori  aderenti al gruppo Stella dell’Appennino: “un progetto che ben rappresenta- come scrive Giorgio Melandri giornalista e anima di Modigliana-“ questo angolo di Romagna in cui  la definizione di terroir si realizza nella sua complesssità di territorio, uomo e ambiente” Un angolo di Romagna, considerato come dice Jancis Robinson, la più importante giornalista del vino del mondo- uno dei territori emergenti del vino italiano- tanto da conquistare recentemente  la Menzione  Geografica aggiuntiva Qui il Sangiovese che ben esprime le caratteristiche dei suoli  che li rappresenta, regala sensazioni gusto-olfattive  con il frutto maturo e i tannini corposi delle argille  sia con la sapidità, la raffinatezza e l’eleganza delle marne. Suoli poveri ignari di essere protagonisti di vini incredibili e che oggi trovano la giusta visibilità in eventi come Modigliana 2019 . Aspetto “ Stella dell’Appennino” , Sangiovesi inediti, incontri con produttori dal temperamento generoso, cena  firmata dal grande cuoco italiano  Cristiano Tomei, visite guidate del territorio ..  la degustazione dei vini di montagna guidata da Walter Speller..

Certo non ha pace il Parmigiano Reggiano contro l’uso illegittimo del termine “ parmesan”. La lotta di uno dei nostri prodotti più famosi nel mondo  è serrata: è infatti di pochi giorni fa la notizia che i  Consorzio  ha depositato il ricorso contro la multinazionale Kraft Foods Group Brands LLC che vorrebbe ottenere la licenza del FRAFT PARMESAN CHEESE come marchio ufficiale in Nuova Zelanda” Il Consorzio del Parmigiano Reggiano- ha detto il presedente Nicola Bertinelli- già  da 20 anni ha registrato il marchio in quel Paese a tutela dell’interesse dei produttori della Dop . Certo- ha ribadito il presidente- non sarà facile competere con una multinazionale da 20 miliardi di euro, ma questo verrà fatto  in tutte le fasi a difesa del diritto di trasparenza sacrosanto per i consumatori” Il Consorzio stima che il giro di affari del falso parmesan fuori dalla UE sia di 2 miliardi di euro per circa 200mila tonnellate di prodotto, 15 volte il volume  del Parmigiano regino esportato. “ per questo sostiene Nicola Bertinelli stiamo cercando di ottenere al’estero lo stesso riconoscimento e le medesime tutele  delle Dop all’interno dell’Unione Europea”