a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
Home2019Dicembre

Dicembre 2019

Che siano due ingredienti o due testimonial o due brand, l’importante è che all’apparenza non abbiano niente a che vedere l’uno con l’altro. E non si tratta solo di pubblicità.. Albicocche e Zafferano E’ possibile coniugando i profumi della frutta e quelli dello zafferano. Tre sono i gusti proposti: albicocca, pere e pompelmo rosa arricchiti di Zafferano Leprotto Bio Tic Tac e Coca Cola Oggi, Ferrero lancia Tic Tac Coca-Cola: il risultato di una collaborazione unica tra due marchi iconici del settore dei beni di largo consumo, creando il primo confetto con la freschezza di Coca-Cola e con impresso l’inconfondibile logo Coca-Cola su ogni singolo confetto. Sarà disponibile per tutto il 2020 in tre diversi formati. Gin al Tartufo Dalle Langhe, arriva il gin 100% italiano al tartufo bianco di Alba - Wolfrest Alba che entra nella categoria dei Gin Super Premium, con un distillato prezioso e profumato come il pregiato fungo ipogeo. Una ricetta composta da sole tre botaniche: il ginepro piemontese, estremamente intenso e aromatico, dal forte carattere, raro; le nocciole tostate del territorio, ingrediente in comune al primo Wolfrest, che donano la caratteristica morbidezza e rotondità al gin; l’ingrediente principe di questo gin, il tartufo bianco di Alba, rigorosamente locale e fresco, assolutamente

Si beve di più rispetto lo scorso anno:2,5 milioni di bottiglie al giorno , 40-44 milioni per la sola serata di fine anno, per un totale di 77 milioni di tappi che volano durante le festività. E’ quanto stima l’Osservatorio Economico Vini Speciali ( Ovse) che da 1991 effettua valori e preferenze. In termini di tipologie di consumi a Natale la tradizione si è imposta per il consumo di vini dolci e dry, per l’Epifania le preferenze vanno ai rosè ancora pochi rispetto altri paesi ,mentre per la festa di capodanno si berranno vini più secchi e brut,  per un valore alla produzione di 280 milioni di euro e una spesa degli italiani di 630 milioni. Trionfano le bollicine per le quali si sborseranno ben ben 870 milioni ” Franciacorta, Valdobbiadene, Trento doc, le più richieste- dice Gianpiero Comolli, presidente Ovse- per le grandi cene con Cartizze sia brut che dry per i dolci  in alternativa al classico Asti. Non manca certo il Prosecco docg-doc che verrà stappato in 48-50 milioni di bottiglie cui si devono aggiungere gli 11 milioni di metodo tradizionale classico, 1 milione di autoctoni regionali e 10 milioni di altre tipologie come Lambrusco, Nebbiolo, Durello. Le

Letteratura                               La notte di natale calò sulla distesa bianca; era patetica e struggente come solo i soldati in trincea la sentono, lontani da ogni bene, dispersi nel silenzio, prossimi alle stelle. A mezzanotte delle gelide tane fra la neve, ombre lente sortirono sulla pianura e s’avviarono silenziose verso un punto un poco luminoso. Convenivano dagli esigui tuguri ricavati fra neve e terra; andavano a precessione e giungevano alla piccola luce, alla baraccheta del Comanda di battaglione a salutare Gesù, perché il cappellano Lo chiamava tra gli alpini, in quella notte: diceva la messa di Natale in prima linea e Lo pregava di scendere, a trovare gli alpini che Lo attendevano con puro cuore. Da CENTOMILA GAVETTE DI GHIACCIO (1963) Romanzo autobiografico di Giulio Bedeschi (1915 – 1990) sottotenente medico sul fronte russo nel 1942 e 1943   PITTURA [caption id="attachment_13734" align="alignleft" width="450"] John Giuliani, Guatemalan Nativity.[/caption]                 [caption id="attachment_13735" align="alignleft" width="431"] Erland Sibuea, “Nativity”.[/caption]                                 [caption id="attachment_13736" align="alignleft" width="417"] “Natività con i Santi Lorenzo e Francesco d’Assisi”. La Natività umile del Caravaggio.[/caption]                                   [caption id="attachment_13738" align="alignleft" width="543"] Gde Sukana Kariana , “The Nativity,” 2011.[/caption]                             [caption id="attachment_13740" align="alignleft" width="548"] “L’adorazione dei Magi”, dipinto incompiuto di Leonardo da Vinci[/caption]                             MUSICA We are the world

Troppo facile da manomettere e per questo verrà ritirato dal mercato, il tappo antirabocco, cosidetto” a biglia”, pensato per scongiurare le frodi alimentari in particolare dell’olio . A deciderlo è stato il Ministero dello Sviluppo economico, insieme al Ministero delle Politiche agricole e al Ministero della Salute, dopo aver ricevuto 125 segnalazioni di incidenti da parte dei consumatori negli ultimi due anni. Incidenti causati dagli stessi consumatori che, per velocizzare l'erogazione dell'olio, hanno manomesso il tappo provocando la rottura del cestello in plastica e la caduta della biglia di vetro nel proprio piatto o direttamente nella bottiglia.  “Gli incidenti segnalati – spiega il Direttore di Fipe, Federazione Italiana Pubblici Esercizi, Roberto Calugi – si sono verificati all'interno delle mense scolastiche o in ambito domestico e mai in un bar o un ristorante. Però  è bene ricordare che noi ristoratori abbiamo sempre criticato l'imposizione per legge di questo tipo di dispositivi, perché riteniamo siano assolutamente inefficaci nel contrasto alle frodi alimentari. E questo lo testimoniano le numerose indagini della Finanza e dei Carabinieri, venute alla luce dopo l'obbligo di adottare il tappo antirabbocco. Ora che si scopre che è persino pericoloso, non possiamo fare altro che dirci soddisfatti per la decisione di