a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

27^ edizione di Merano WineFestival: si inizia con Naturae et Purae

Tornano  i migliori vini e prodotti gastronomici selezionati durante l’anno dal WineHunter Helmuth Kocher durante le sue “cacce“ all’estero e in Italia. Una ricerca costante intrapresa assieme alle sue commissioni di assaggio e che decide solo le migliori aziende enogastronomiche che partecipano da domani 9 novembre, apertura ufficiale della esclusiva Kermesse altoatesina.

Degli oltre 5000 vini degustati, poco più di 2500 sono entrati a far parte della guida consultabile on line (award. winehunter.it), e di questi 54 sono candidati all’Award PLatinum,  assegnato ai vini che si sono distinti per eccellenza e unicità. L’Award ROSSO ai prodotti il cui punteggio assegnato è da 88 a 89 su 100; il GOLD a quelli con punteggio da 90 a 99 e infine il Platinum  per chi ha ottenuto più di 95 su 100.

Non solo vini, le eccellenze riguardano i migliori prodotti  gastronomici selezionati durante l’anno: un percorso  lungo lo stivale che vuole far conoscere al grande pubblico aziende, produttori, storie , territorio, innovazione e tradizione, insomma la  grande cultura gastronomica italiana che troveranno posto in uno spazio espositivo in Piazza della Rena.

“Con uno sguardo al futuro- dice Helnut Kocher- perché è ormai incontestabile che le cambiate condizioni climatiche, come l’aumento della temperatura, condizioneranno la viticoltura: dall’anticipo dei tempi, alla scelta di vitigni più resistenti, dalla riduzione della densità di impianto a una produzione verso altitudini maggiori. Diventa quindi necessario, puntare su varietà autoctone, investire sulla biodiversità e  ricorrere a pratiche antiche”

E’ nota la passione dl WineHunter per i Piwi ovvero piante resistenti a malattie funginee. La sua selezione per la viticoltura del futuro inizia in Veneto con lo spumante rosè metodo charmatte Violette di Conte Collalto costituito da Raboso del Piave e Moscato d’Amburgo, incrocio Manzoni . Da un vino Veneto a uno Altoatesino, lo spumante metodo classico Sauvignon Gris Lieselehof brut nato dall’incrocio di Cabernet Sauvignon e Bronner. Un prodotto giudicato molto interessante realizzato con una varietà Piwi   . Si continua con il Monte Carbonare 2015 di Suavia, un 100% di uve Garganega che cresce su terreno vulcanico. Vino bianco di insospettata personalità e dalla importante mineralità. Altra terra vulcanica, la Campania  con il rosso delle Cantine Marisa Cuomo, il Furore Rosso, ottenuto con uve Piedirosso e Aglianico. Una viticoltura definita eroica  perché risultato di grande fatica ma che da a questo vino una impronta inconfondibile, Non dimentica Hunter il Piemonte con Lamoscata di Mongioia,  un moscato d’Asti, prodotto da un antico vitigno di origine mediterranea ottenuto con l’appassimento delle uve e vinificato in anfora.

Vini vulcanici, vini rosè, the official selection.. perché” Excellence is an attitude”

Emanuela Medi, giornalista, sommelier

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino

Nessun commento

Lascia un commento