a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Acquisto di pesce in Italia: quanto siamo consapevoli?

Che il pesce sia tra i migliori alimenti disponibili per l’essere umano, è un fatto acclarato: per le sue proteine nobili, i medici consigliano di inserirlo nelle nostre diete anche più volte a settimana in particolare  per donne in gravidanza, bambini e persone anziane.

Affinché faccia così bene però, è necessario seguire delle linee guida molto chiare: che abbia un ciclo vitale breve, così da contenere in misura più ridotta possibile gli inquinanti e metalli pesanti che purtroppo popolano ormai gran parte dei mari del mondo,  fresco e di stagione, così da rispettare i tempi del mare e permetterci di variare la nostra dieta.

Secondo IsmeaIstituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare, gli acquisti di prodotti ittici (in generale) in Italia nel 2018 hanno registrato un –2% rispetto l’anno precedente. Nel dettaglio invece ci sono dei segni +, come la crescita del 2,6% di filetti, bastoncini di merluzzo e platessa; in crescita anche alcune specie di fresco , pesce persico, orate, merluzzi, spada, salmone anche se molti temono che sia alimentato a mangimi e antibiotici e di poco le alici

Un dato che deve far riflettere  è che solo il 48% di tutti gli acquisti ittici è pesce fresco. La restante parte è congelato. I Centri Commerciali, quindi la  GDO  si confermano il luogo preferito dagli italiani per acquistare pesce (80% nel 2018).

Buona parte del pesce che ogni giorno mettiamo in tavola, sottolinea Ismea, è di provenienza estera (comunitaria ed in parte minore extracomunitaria): l’import, in crescita costante nell’ultimo decennio, si attesta nel 2018 a 1,35 milioni di tonnellate, con un esborso complessivo di 5,9 miliardi di euro.

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino