a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Agri-tessuti: l’iniziativa delle Donne in Campo Cia-Agricoltori e Ispra per il tessile ecologico

Il made in Italy che fa bene all’ambiente: è il progetto agri-tessuti, una best practice nel campo del tessile dalle grandi potenzialità. Tante storie raccolte in un volumeFilare, tessere, colorare creare,” frutto di un questionario condotto da Donne in Campo  Cia-Agricoltori-Italiani e  Ispra dedicato agli  agri tessuti : un progetto “green” che fa moda e aiuta l’ambiente.

Oggi una maglietta  richiede, in media 2.700 litri di acqua per essere prodotta, genera elevate  emissioni di CO2 e utilizza per lo più fibre e coloranti di sintesi con innegabili conseguenze di allergie  da contatto., come innegabile è l’aumentata richiesta del tessile ecologico  prodotto con fibre naturali destinata a crescere nel mondo del 63% entro il 2030 . Certo non è stata solo questa la motivazione che ha spinto Donne in Campo Cia-Agricoltori e ISPRA  a promuovere agri-tessuti, ma molto altro come spiegheremo più avanti.  Colorare tessuti e accessori con tinte al 100% naturali  realizzate con gli scarti agricoli come le scorze del melograno, le tuniche delle cipolle ramate, i residui di potatura dei ciliegio e dell’ulivo,  portare in passerella (un sorta di viaggio intrapreso da Francesca  Dini e Anna Maria Russo) abiti di origine forestale prodotti da filati di cipresso, tessuti in sughero, eucalipto e faggio,  conquistando un posto d’onore al palazzo di vetro delle Nazioni Unite di New York.

Tante le storie come quella di Gianni Berna, ex economista, che per anni ha elaborato e seguito progetti di sviluppo in Africa e Asia e che è riuscito a creare con gli alpaca una filiera del tessile naturale: oggi Berna produce maglioni, coperte, partendo dall’allevamento del gregge, passando per la tosatura e filatura della lana al confezionamento . Moda da riviste patinate ? Assolutamente no: si tratta di nuovi  sistemi di produzione a minor impatto ambientale come richiede l’ONU nell’agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile ,  ma anche  lo spirito e l’anima di Donne in Campo una associazione impegnata nella valorizzazione di tutti i metodi di produzione agricola ecocompatibili con particolare attenzione alla salvaguardia della stabilità e fertilità dei suoli.. Nata nel 1999, è componente della Confederazione Italiana agricoltori,  fortemente  impegnata nel territorio italiano a costruire reti di imprenditrici agricole con particolare attenzione alle piccole e medie imprese, senza per’altro dimenticare i valori dell’agricoltura  e dei suoi prodotti.

“La vicinanza tra le donne e il tessere è vivissima” dice Pina Terenzi , presidente nazionale Donne in Campo  Cia-Agricoltori italiani  citando il lavoro di  un’archeologa tessitrice dell’Aquilano, Assunta Perilli, che ha riscoperto un’antica varietà autoctona di lino, arrivando a confezionare il kilt donato a Carlo d’Inghilterra dal sindaco di Amatrice dopo il terremoto del Centro Italia.

Non sono pochi coloro che sostengono quanto il recupero di piante e scarti di coltivazione a uso tintorio,  contribuisca a riqualificare aree dismesse o degradate, a consolidare i versamenti grazie all’elevato adattamento pedo-climatico per la tutela del paesaggio e della biodiversità. Insomma il rifiuto come risorsa : accade nel Consorzio biellese che raccoglie la lana grezza prodotta dagli allevamenti ovini da latte e da carne italiani, considerato sottoprodotto da smaltire, per trasformarli in flati di pregio.  Un business del tessile  ecologicamente orientata,  pari al 20%  del fatturato del settore in Italia (4,2miliardi) senza contare che già il 55% degli italiani- secondo il Global Lyfestyle Monitor l’osservatorio che ogni due anni rileva gusti e tendenze in tema di abbigliamento- è disposto a pagare di più per capi  ecofriendly.

Ma loro Donne in Campo vanno avanti oltre l’ecosostenibile, con una sostenibilità umana di grande valore : fattorie didattiche per insegnare ai bambini il  valore dell’agricoltura e dell’ambiente, accoglienza nelle aziende di anziani, disabili e emarginati,  anche catering agricoli alle vicine città. L’agricoltura in Campo tutta da sostenere.

Emanuela Medi, giornalista

 

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino