a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Agricoltura e giovani: il futuro nella formazione

E’ il vero valore e non aggiunto per chiunque voglia intraprendere una professione: la formazione anche a prescindere da un” titolo”.

Una necessità in agricoltura, il settore che più di altri  in Italia attrae moltissimi  giovani,  colta da tempo dalla Fondazione Edmund Mach che proprio in questi giorni ha selezionato 62 giovani, tra 115 aspiranti che hanno iniziato il percorso formativo per ottenere il brevetto professionale per imprenditori agricoli. Il corso  biennale , giunto alla 18° edizione prevede 600 ore di lezione e il  Brevetto professionale per imprenditori agricoli. I 62 partecipanti lavorano già in azienda, il 56%  ha meno di 25 anni, il 55% ha un diploma di scuola superiore e il 10% addirittura la laurea. Giovani quindi in un paese dai capelli bianchi: infatti da una recente ricerca  NOMISMA, la aziende degli agricoltori” under 35” hanno performance economiche che sono più del doppio della media nazionale( 100 mila euro/azienda contro le 45mila euro/ media nazionale). I giovani inoltre gestiscono aziende grandi( 20 ettari contro le 11nazionali) anche più innovative e diversificate.

E le donne? Bene le quote rosa gestiscono il 30% delle aziende contro il 15% della Germania e della Francia. Ma i giovani devono essere molti di più e ben formati, devono rappresentare almeno  il 25 % del totale per garantire al paese  una agricoltura vitale in grado di  rivalutare paesaggio e territorio. Non sarebbe male che le Istituzioni pensassero a un supporto economico alle famiglie di agricoltori in modo che i figli vedano nell’azienda familiare una opportunità di lavoro vera tale da far  crescere l’azienda, innovarla con notevoli benefici per i sistema Itali

Emanuela Medi, giornalista

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino