a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
HomeArticoli pubblicati in Redazione Vinosano

Autore Redazione Vinosano

Il primo Rosè  di MORA&MEMO firmato da Elisabetta Pala: un blend di Cannonau e Monica, prodotto in settemila bottiglie, vuole brindare all’estate che in Sicilia per la verità con 40 gradi, è già arrivata .   Abbiamo conosciuto Elisabetta a Vinitaly  nell’ambito della degustazione organizzata dalle Donne del vino, dal titolo” una degustazione rivoluzionaria” per l’età delle imprenditrici  tutte under 30, per la vivacità e la passione dimostrata ma soprattutto per la capacità di aver offerto vini interessanti e nuovi.

E’ il momento d’oro del cous cous il più Mediterraneo  e trasversale dei cibi: couscous in arabo, cous cous in francese, seksu in berbero: la sua origine sarebbe marocchina testimoniate da numerose scoperte archeologiche risalenti al nono secolo che avrebbero portato alla luce utensili da cucina per la sua preparazione, ma c’è chi dice che, come la pasta, il cous cous  proviene dalla Cina.

Esperimento interessante  con affinamento in botte grande per due vitigni autoctoni del Lazio: Malvasia Puntinata e Bombino Bianco in blend: Amacos 2018 è un prodotto realizzato dall’azienda vitivinicola Luigi De Sanctis collocata in una delle zone più affascinanti del Lazio, precisamente a Frascati nell’antico Lago Regillo carico di storia  millenaria.   

Anche se il nostro  paese non rientra tra i principali fornitori di prodotti agroalimentari, pesando appena 1,5% , pur tuttavia il Made in Italy è molto apprezzato e in crescita  in un paese come il Giappone che con un valore superiore ai 57 miliardi rappresenta il quinto mercato al mondo  e il cui  Pil pro capite è superiore del 10% a quello italiano.

Che la conoscenza dell’olivo nei paesi mediterranei sia molto antica, non c’è alcun dubbio: nell’era “postdiluviana”, ancor prima cioè che, come racconta la Sacra scrittura Noè, sceso dall’arca e approdato in Armenia, scoprisse il vino, una colomba, ritornando nell’arca, portò nel becco un ramo di olivo mostrando che il diluvio era finito, le terre non erano più sommerse e l’albero di olivo verdeggiava fuori dalle acque.