a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
HomeAttualità (Pagina 5)

Attualità

La diffusione di internet ed i social network, ha senza dubbio cambiato il modo di comunicare delle persone. L’evoluzione di questi nuovi strumenti è costante, e genera sempre nuovi trend; tra i tanti, ce n’è forse uno che accomuna la maggior parte degli italiani, almeno secondo ciò che rileva Fipe, la Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi. Stiamo parlano del così detto “food sharing”.

Sarà il pesce, e tutte le sue declinazioni, il protagonista assoluto dell'evento Fish & Wine 2019, che si terrà presso Eataly Roma dall'8 al 25 Agosto 2019: diciotto giorni di fitti appuntamenti all'insegna del mare e della bontà del pesce fresco e sostenibile. Andiamo dunque a vedere quali sono le principali attrattive della manifestazione. Ad aprire la serie di attività sarà la cena con Singita Miracle Beach e Coldimar Fregene, programmata per Giovedì 8 e Venerdì' 9 Agosto, durante la quale sarà possibile assaggiare tantissime specialità di pesce, con piatti che raccontano il mare del litorale romano: in abbinamento ci sarà una selezione di vini provenienti dalle cantine di Marco Carpineti, Poggio al Tesoro, Fontanafredda, Raffaele Palma e Tornatore. Un appuntamento da non perdere per i “pastalover” sarà poi, senza ombra di dubbio quello della “Gran padellata di linguine ai frutti di mare”, durante la quale sarà possibile partecipare a veri e propri percorsi di degustazione, per una o due persone. Troveremo poi le degustazioni gratuite “Pesce e Bottarga” a cura di Blu Marlin (dal 10 all’11 agosto), di Food Lab (dal 17 al 18 agosto) e di Coda Nera (dal 23 al 25 agosto). Anche la Birreria di Eataly Roma sarà teatro di

“Uve sane nell’intera regione, con una buona quantità di produzione, di poco inferiore al 2018 ma superiore al 2017, nei giusti parametri disciplinari, e con un ottimo grado zuccherino”. E’ questo il giudizio di Coldiretti alla vendemmia 2019 di varietà bianche in Calabria. Tutto nella norma, quindi, dov’è la novità? La novità, anche se è un fatto accaduto già lo scorso anno, risiede nel fatto che questa indicazione è stata rilasciata qualche giorno prima dell’inizio del mese di agosto! In Calabria infatti è stato disposto in deroga, su richiesta di Coldiretti, con decreto dirigenziale n. 8987 del 25 Luglio 2019, l’anticipo delle operazioni di vendemmia al 25 Luglio, a causa dei cambiamenti climatici che hanno caratterizzato l’anno, ed hanno portato a maturazione precoce alcune varietà di uve bianche, nello specifico parliamo di Chardonnay, Sauvignon B, Traminer Aromatico e Manzoni Bianco. I produttori stanno dunque monitorando, giorno per giorno la situazione all’interno delle vigne, pronti a partire con le operazioni vendemmiali; singolare come si è passati dalle basse temperature di aprile a maggio che non lasciavano ben sperare, ad un anticipo nella produzione 2019.

Il cibo che quotidianamente mettiamo sulle nostre tavole, o che ordiniamo al ristorante, non è una merce qualsiasi ma un condensato di valori sociali, culturali ed ambientali. È questa la filosofia che ha spinto la Federazione Italiana Pubblici Esercizi a realizzare un vero e proprio manifesto per una ristorazione sostenibile, nel quale vengono illustrate le linee guida per una lotta concreta allo spreco alimentare, spiegando come sia fondamentale acquistare materie prime di qualità ma al giusto prezzo, valorizzare e formare il personale o incentivare i clienti a portare via quanto non viene consumato. E non è tutto: un secondo testo, che rappresenta un vero a proprio decalogo anti-spreco, è stato redatto e, se il primo ha come destinatario i ristoratori italiani, il secondo vuole raggiungere tutti i cittadini impegnati nelle proprie cucine, e prima ancora, nel fare la spesa, sensibilizzandoli sul tema dello spreco alimentare. Il breviario è stato scritto con la collaborazione dello Chef Franco Aliberti, che ha fatto della circolarità e dell’utilizzo di materie prime povere la sua filosofia. “È importante insistere e continuare a lavorare per valorizzare sempre più i modelli di ristorazione che riducano gli sprechi, attraverso una sostenibilità che sia prima di tutto di sistema. Il nostro, infatti,

Se esiste un luogo in Italia capace di mettere tutti d’accordo, è senza dubbio la Sicilia. Bellezze naturali, scorci unici, cucina e vini da degustare, un mare scintillante e la sua antichissima storia, la rendono una delle mete più ambite al mondo. A tutela e promozione di tutto questo troviamo l’Associazione Le Soste di Ulisse, ed i suoi 47 membri tra ristoranti, hotel e pasticcerie, dislocati su tutto il territorio regionale. L’imbarazzo è solo nella scelta: dai magnifici resort con viste mozzafiato e terrazze sul mare, alle bellezze storiche, artistiche e architettoniche dell’isola, dalla cucina gourmet e wine resort, con ristorazione di altissima qualità, anche stellata, alla famosa pasticceria siciliana. Come ricorda lo chef bistellato Pino Cuttaia, Presidente de Le Soste di Ulisse, “il ruolo dell’Associazione rispetto al territorio siciliano è di portare e far tornare nella nostra terra sempre più ospiti, profondamente appassionati delle eccellenze di cui siamo artefici, comprese quelle artistiche, storiche, culturali e architettoniche”.