a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
HomeEventi

Eventi

Un fine settimana con il bicchiere in mano all’insegna della qualità e della convivialità: l’8-9 novembre tanti gli eventi  per un turismo del vino che cresce popolato non solo dai Millennials, i nati tra il 1981-1998, ma come sempre dai “ veterani”, i nati tra il 1965 e 1980. Secondo il rapporto curato da Raffaella Garibaldi  il turismo del piacere, quello in cui fa da padrona il cibo e il vino, è aumentato del 45% di questi il 56%  è attirato dalla possibilità di visitare le cantine. E in questo in nostro paese offre di tutto e di più Iniziamo da Roma con l’evento curato da Eataly Wine Festival  nella sede di Piazzale Ostiense dove l’attenzione è rivolta al “ Vivaio dei piccoli produttori” una realtà  che produce vini di qualità in grado di proteggere e salvaguardare sapori, tradizioni, biodiversità e territori dimenticati. 50 etichette in una grande area appositamente allestita e degustazioni di vini senza solfiti e di vitigni rari. Sempre nella capitale Excellence 2019: 100 chef per la settima edizione di questo evento che andrà in scena dal 9 all’11 novembre alla Nuvola dell’Eur con tante presenze tra cui la nuova stella Michelin Francesco Apreda ospite di Luigi Cremona

Raccontare Merano Wine Festival è riduttivo tanto questa esperienza è totalizzante, ricca di eventi, incontri, premi, presentazioni, chef,  giornalisti, winelovers. Bisogna partecipare , entrare in questa atmosfera   di professionalità, passione ,voglia di raccontare e far conoscere le eccellenze enogastronomiche del nostro paese SENZA DIMENTICARE  che la vera protagonista è lei MERANO, calda,  accogliente, luccicante di suoni e luci, gioiosa nell’offrire a quanti vivono i 4 giorni( 8-11 novembre)  il meglio dei vini e dei cibi accuratamente scelti e selezionati dal patron di Merano Festival Helmuth Köcher e dalla sua attenta e prestigiosa equipe. Ritorna ampliato e ricco di novità il Fuorisalone di Merano Wine Festival: l‘inconfondibile tappeto rosso di Corso Libertà che combina prodotti d’eccellenza e intrattenimento, ospitando alcune delle migliori realtà enogastronomiche italiane e internazionali.   Vera e propria vetrina di prodotti d’eccellenza, Fuorisalone Merano WineCitylife propone tutti i giorni dall’8 all’11 novembre, dalle 10.00 alle 20.00, degustazioni, focus ed experience dedicate a territori, aziende e produttori emergenti del panorama italiano. Iconico lo spazio dedicato a Tannico, un originale Double Decker - il bus inglese a due piani - trasformato in wine&cocktail bar, dove ogni giorno due Master Experience propongono degustazioni di bottiglie ricercate, annate eccezionali, perle rare italiane e francesi; oltre

Purtroppo non è una buona notizia: le api non stanno bene: i  cambiamenti climatici con fortissime piogge concentrate nel tempo, seguite a lunghi periodi di siccità, hanno causato un forte calo della produzione di miele in tutta Europa.  E l’Italia, purtroppo, non è da meno. Anche il tradizionale concorso dei mieli cremonesi  giunto alla 15° edizione, vede le ripercussioni di questa situazione. « Nel 2019- dice Esterina Mariotti, presidente dell’Associazione produttori apistici cremonesi- c’è stato un crollo del 70% della produzione». I suoi associati sono 150 e in totale, quest’anno, sono stati prodotti circa 40 mila kg di miele. Il concorso mieli cremonesi è molto interessante perché ha un duplice compito: la formazione degli apicoltori attraverso le schede di valutazione e gli assaggi. Ogni apicoltore può capire dai successi o dagli errori degli assaggi cosa può fare per ottenere un miele migliore. “ Un concorso non solo per gli addetti ai lavori-sottolinea la Mariotti- ma anche per i non apicoltori che devono essere informati e sensibilizzati su tematiche ambientali, visto che l’ape è un indicatore dello stato di salute del territorio. ». Uno degli elementi più importanti per la produzione del miele sono  i trattamenti sui tigli   che vanno fatti con prodotti non tossici

145 anni non sono pochi: tanti ne celebra il 9 Novembre la Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige. Nata il 12 gennaio del 1874 per volere  della regione austro-ungarica del Tirolo, è diventata punto di riferimento nazionale e internazionale per la formazione, ricerca scientifica, sperimentazione e informazione nel settore agricolo, ambientale e agroalimentare. Il 10 novembre Porte Aperte a tutti i cittadini, gratuitamente, con laboratori, visite guidate, stand innovativi e ristorazione.

Un week end delle grandi guide quello romano, che in tre giorni celebra il meglio della enologia e dell’alta ristorazione. Una breve carrellata che parte dalla presentazione avvenuta ieri della guida Vitae dell’ AIS- Associazione Italiana Sommelier, presso la  Convention Center La Nuvola firmata Massimiliano Fuksas , che  il 26 presenta in degustazione 600 vini che hanno meritato il massimo riconoscimento le Quattro Viti sui 30 mila di 3 mila produttori  degustati da una task force cui certo non manca professionalità e competenza. Non si sono voluti far mancare l’occasione i sommelier d’Italia che hanno selezionato 22 vini  speciali i famosi Tastevin che meglio hanno rappresentato il proprio territorio di appartenenza. E per la prima volta -  il Piemonte è in prima linea davanti alla Toscana e al Brunello di Montalcino. Barolo batte Barbresco 67 a 26 E passiamo al Gambero Rosso:  il 27 -28 di ottobre celebrazioni per le nuove edizioni delle  guide Top Italian Restaurant, Vini d’Italia e Ristoranti d’Italia con i famosi Tre Bicchieri 2020 presentati tutti  in degustazione allo Sheraton Hotel. La kermesse del Gambero Rosso continua il 28 con i migliori Ristoranti d’Italia, premiati dalla sempre  prima donna Ristoranti d’Italia 2020. E non dimentichiamo una

1999-2019 : Cappella del Barolo di Sol LeWitt e David Tremlett, uno dei primi e più riconoscibili progetti di recupero e valorizzazione del contesto ambientale delle Langhe con interventi di arte contemporanea internazionale, compie vent’anni. Costruita nel 1914 come riparo da temporali e grandinate per chi lavorava nelle vigne circostanti e mai consacrata, la Cappella di SS. Madonna delle Grazie fu acquistata dalla famiglia Ceretto nel 1970 assieme a 6 ettari del prestigioso vigneto di Brunate, nel cuore della DOCG del Barolo. Ridotta a rudere dopo anni di abbandono, si è trasformata in uno degli edifici più famosi del territorio, la Cappella del Barolo, grazie alla famiglia Ceretto che nel 1999 ne ha affidato una reinterpretazione in chiave modernista al genio degli artisti Sol LeWitt e David Tremlett.. Agli artisti è subito piaciuta l’idea di recuperare l’edificio in rovina in una divisione spontanea degli interventi: all’esterno forme geometriche in colori acidi e forti disegnate dall’americano Sol LeWitt, maestro dell’arte concettuale; all’interno grandi campiture in tinte morbide, stese con il palmo della mano dall’inglese David Tremlett, anche autore dei riflessi acquei del pavimento marmoreo. Annunciata dal Sindaco di La Morra, Marialuisa Ascheri, l’intitolazione artistica della strada Fontanazza, che conduce alla Cappella del Barolo, in STRADA ALLA CAPPELLA DEL

Non ha poltrone ne divani perché” Il salotto del vino” è un autobus turistico con un protagonista: il vino raccontato e descritto con convivialità, gusto,  passione, professionalità, piacere del buon bere . Così 28 appassionati alla volta  hanno ricevuto una lezione su vitigni e aziende proposte  da Paolo Trimani ideatore e coordinatore di questa iniziativa particolare e divertente nell’ambito  dell’ottava edizione di Taste of Rome,  che si è svolta con grande partecipazione di pubblico nei giardini dell’Auditorium dal 19 al 22 settembre. Taste of Rome - gli chef stellati raccontano i loro piatti. Video a cura di Roberto Barile. “ Taste of Rome sin dalla prima edizione del 2012,- dice Polo Trimani- è stato un evento unico perché  nella capitale non esisteva nulla del genere. L’idea di  rendere  protagonista l’enogastronomia  attraverso   gli abbinamenti con  piatti proposti da grandi chef e vini spettacolari soprattutto del  Lazio hanno convinto  a partecipare gli chef della capitale prima   e  il pubblico successivamente. Alta qualità, attenzione per i dettagli, logistica, servizi impeccabili sono una garanzia per chi vuole trascorrere una piacevole serata  giocando , se vogliamo usare un termine ironico, con le  preparazioni di Cristina Bowerman, Ciro Scamardella stella Michelin , Heinz Beck  e tanti altri -

A Bra dal 20 al 23 di settembre , la manifestazione internazionale più importante organizzata da Slow Food:protagonisti  i formaggi, ma con una marcia in più :si immagina  il futuro del cibo , della biodiversità, dell’ambiente, dell’uomo. C’è da perdere la testa tra i tanti eventi, appuntamenti culturali, showcooking, dove si parla e soprattutto si porta a conoscenza del pubblico i tanti perché e aspetti del formaggio: tatto, gusto, e olfatto , stagionatura e ora anche  e soprattutto il naturale. Come osserva Massimo Montanari, il più grande storico del cibo italiano, bisogna riconsegnare ogni prodotto alla propria storia e al proprio territorio :   al naturale cui Slow Food ha sempre dedicato grande attenzione. Quindi vini senza lieviti selezionati, pani a lievitazione naturale, ma anche formaggi senza fermenti selezionati, salumi privi di nitriti e nitrati preservando di ognuno la biodiversità invisibile fatta di batteri, enzimi, lieviti verso cui produttori sensibili mostrano interesse aprendo la strada a consumi equilibrati sani e sostenibili.  Tante le virtù dei formaggi a partire da quelli da erba: una risposta all’abbandono degli alpeggi di montagna con ricaduta sull’ambiente e sulla ricchezza dei pascoli. Ancora formaggi a latte crudo, formaggi che provengono da tutto il mondo e un 

Tre giorni con i sapori e le eccellenze della tradizione italiana Tre e diciannove: sono i numeri del Festival della Cucina Italiana in programma a Pesaro dal 20 al 22 settembre. Tre sono le edizioni consecutive nella città di Gioachino Rossini, così come tre sono i giorni all’insegna dei buoni sapori. Diciannove sono le edizioni di questo evento che quest’anno si concentra su un ambiente maggiormente conviviale con oltre 300 posti a sedere attorno a grandi tavoli rotondi illuminati da centinaia di lucine nella centralissima piazza del Popolo, alla presenza di 25 cuochi dell’Accademia Nazionale Italcuochi, coordinati dallo chef Luca Angelini, presidente della sezione romagnola del sodalizio.  Saranno loro gli ambasciatori del gusto della tre giorni a Pesaro, in un portfolio di proposte per tutti i palati: il gran fritto dell’Adriatico, la polenta Taragnadella Lombardia proposta con i funghi Cardoncelli pugliesi, dalla Sicilia non mancano arancini e cannoli, così come dalla Romagna arrivano gli arrosticini fatti a mano e la speciale porchetta di allevamento locale, insaporita e cotta alla brace direttamente dai pastori; senza dimenticare il caffè d’autore, come quello verde, celebre per le sue proprietà antiaging, presentato da Lady Cafè.  Il Festival è coordinato da La Madia Travelfood - oggi inserita nel

E’ LA BIRRA PREMIUM PIU’ BEVUTA NEL MONDO:presente in oltre 70 paesi-, oggi è è riuscita a essere un prodotto di eccellenza, un made in Italy sostenuto da giovani generazioni che guardano il futuro con curiosità ma soprattutto con la voglia di cambiarlo in meglio Nastro Azzurro Live è  il format che, per il secondo anno consecutivo, porta nei migliori locali ed eventi d’Italia le performance degli artisti più apprezzati del panorama musicale indipendente italiano. Quest’anno la piattaforma ha dato vita a differenti contenuti musicali con protagonisti artisti come Ghemon, Francesco Motta, Fast Animals and Slow Kids, La Rappresentante di Lista, Zen Circus e Rancore. Alcuni di loro, come GHEMON e MOTTA, sono stati i protagonisti delle Nastro Azzurro Brunch Session presso l’Apollo Club di Milano: una serie di eventi esclusivi e imperdibili che hanno reso speciali le domeniche d’estate Milanesi. L’estate 2019 inoltre ha visto Nastro Azzurro protagonista del KAPPA FuturFestival, la due giorni dedicata alla musica elettronica che ha trasformato il futuristico Parco Dora di Torino; il Men/go Music Fest ad Arezzo; Aniene Festival a Roma,; le manifestazioni a Villa Ada a Roma con due concerti gratuiti de La rappresentante di Lista e i Fast Animals and Slow Kids; Todays Festival