a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
HomeTurismo

Turismo

Per la ricchezza del patrimonio  storico, artistico e naturale, il turismo è uno dei punti di forza dell’economia italiana, tanto che secondo il Travel&Tourism Economic Impact 2018, il suo contributo al reddito nazionale si attesta attorno al 13%. Tra questi settori spiccano le attività alberghiere ed extralberghiere, la ristorazione, i servizi finanziari, ricreativi, culturali. E’ indubbio che molta della  domanda turistica si rivolge alle strutture alberghiere con destinazione termale che assorbe circa il 90% degli arrivi con un trend di crescita 2009-2017 del 18,3 %.. Il rimanente si concentra negli esercizi complementari come campeggi, villaggi turistici, B&B ostelli cc. Da fonte ISTAT i 1.241 esercizi alberghieri ubicati nelle località termali dispongono ben 94.751 posti letto pari al 4% del totale nazionale con un flusso di arrivi nel 2017 di ben 3milioni 490 mila unità corrispondenti al 51% del totale nazionale concentrate nel Veneto, Toscana, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Campania e Lazio. Anche la durata dei pernottamenti è superiore al dato nazionale , di circa 4 giorni nelle località termali situate nel Mezzogiorno, poco meno di 4 nel veneto, Trentino Alto Adige, Piemonte, Friulig Venezia Giulia e Lombardia. Dato interessante la presenza di turismo straniero di molto superiore alla media

Nel 2017, secondo le elaborazioni del Global Wellness Institute( GWI) i viaggi effettuati dai “ turisti del benessere” ammontano a 830 milioni  con una differenza di quote che vede l’Europa( 35%) al primo posto, seguita dall’Asia( 31%), dal Nord-America( 25%), dal Centro Sud-America( 7%) e dal Medio Oriente e Africa ( 2%) ma con un trend in forte ascesa in Cina, India,Cile, Malesia e Russia. Una delle principali mete del wellness tourism sono le SPA, termine della legislazione italiana che indica quell’insieme di strutture che forniscono servizi per la salute, il benessere,e la bellezza della persona. Secondo le stime del GWI (Global Wellness Economy Monitor  2018) nel 2017 nel mondo si contano 149mila SPA suddivise: per il 42% da strutture che offrono servizi professionali su base giornaliera (circoli, centri massaggi ecc), - per il 32% da  Hotel Spa, cioè alberghi dotati di un proprio centro benessere- per il 5,9% da “ Mineral springs SPA” strutture situate vicino a sorgenti di acqua minerale-  per il 4,6% “ medical SPA2 strutture per prevenzione, cura e riabilitazione- per 1,8% da “ destination SPA” o strutture di lusso- e per il rimanente 9% hamman, onse giapponesi, cruise ship SPA, centri ayurveda ecc. Secondo uno studio di