a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
HomeTurismo

Turismo

Vacanze in Italia, a prezzi scontati e sicure. E' il progetto “Una casa per gli italiani”, lanciato da Property Managers Italia, Associazione Nazionale di categoria del Turismo Residenziale: proposte di soggiorno negli angoli più affascinanti (ma a volte poco conosciuti) del Bel Paese, a prezzi ribassati di almeno il 20%, e con l'omaggio di una polizza assicurativa sanitaria. Le offerte sono raccolte sul sito www.rentinitaly.it, finora hanno aderito 1.700 appartamenti e 520 ville.“L’intento è duplice” spiega il presidente di PMI Stefano Bettanin. “Da un lato dare alle famiglie italiane la possibilità di fare una vacanza dopo i mesi di lockdown, dall'altro aiutare i property managers, che si trovano in grosse difficoltà, e far ripartire il turismo extra alberghiero”. Il progetto, pensato soprattutto per il mercato interno, propone ville, case, casali,appartamenti con sconti dal 20% in su. .In più chi aderirà potrà usufruire della copertura assicurativa "Un Medico in Valigia", grazie ad un accordo raggiunto da PMI con Europ Assistance Italia, la Care Company del Gruppo Generali. “In risposta alla situazione di emergenza sanitaria abbiamo pensato a prestazioni di assistenza per tutelare sia gli ospiti sia i gestori di case vacanze: durante il soggiorno saranno garantite consulenza e assistenza mediche 24 ore

La Liguria ha fretta e  vuole   uscire dall’isolamento dovuto a causa delle  molte amare vicende per  riappropriarsi di una identità che sembrava perduta quella di una splendida regione tra mare e montagne, famosa per i suoi borghi marini , i terrazzamenti patrimonio Unesco, la viticoltura eroica che regala vini   freschi e sapidi come il  Pigato e il Vermentino , oli leggiadri e profumati,: un mix di bellezza non più da scoprire ma che vuole apparire  fruibile e accessibile.  E’ l’obiettivo di Terragir3   il progetto europeo dedicato alla promozione di agriturismi, fattorie didattiche e aziende ittiche  che attraverso la loro offerta di attività, esperienze e prodotti tipici ha dato vita a una sinergia fra istituzioni, imprese e gli operatori per promuovere il territorio,.” Si tratta di un investimento di circa 276mila euro, cui hanno aderito 91 aziende- dice l’assessore all’agricoltura Stefano Mai- che ci ha consentito in questi ultimi due anni di creare una vera e propria rete di aziende che possono offrire un’accoglienza speciale, dedicata a chi vuole vivere una regione unica al mondo. Vogliamo che i turisti italiani e stranieri- sottolinea Mai - possano conoscere l’opportunità di venire in Liguria ed essere i protagonisti diun turismo che

Lo avevamo scritto in un precedente articolo che solo a guardare le foto viene voglia di fare le valigie e partire in barba a tutte le restrizioni.. ora queste non ci sono più e Borgo Scopeto una delle migliori realtà enoturistiche italiane ha aperto, compiaciuta del suo fascino dove- come scrivemmo- il bello si sposa al buono. Si, perché in questo borgo trecentesco immerso in un paesaggio da sogno caratterizzato dal profumo sensuale di natura e vigneti, Elisabetta Gnudi Angelini lo ha trasformato in un resort a quattro stelle dotato di ogni confort dove vengono vinificate le uve provenienti da ben 70 ettari per sua maestà..il Sangiovese .Borgo Scopeto, importante tenuta toscana di origini trecentesche è a soli dieci chilometri da Siena, sessanta da Firenze e poco più di ottanta da Arezzo, quindi nel cuore del Chianti Classico. I toni rustici dei mattoni a vista si armonizzano con la verdeggiante campagna circostante, e sulla linea dell’orizzonte si scorgono suggestivamente la Torre del Mangia ed il Campanile del Duomo di Siena, distante pochi minuti. La Tenuta si estende per 482 ettari, di cui 400 ettari di bosco, 70 ettari a vigneto (con una produzione di circa 350.000 bottiglie l’anno) e 6.500 piante di

Molto della partita per rilanciare l’economia del Paese dipende dal turismo e più che mai come quest’anno le tante formule hanno nei piccoli comuni, nei borghi, nella riscoperta del territorio il loro punto di forza. Che poi si chiami turismo lento, turismo esperienziale o altro non importa perché se piccolo è bello certo all’Italia non mancano le offerte di grande visibilità.  Piu che mai di attualità il rapporto “ Piccoli Comuni e Cammini d’Italia”,  redatto dalla Fondazione Symbola guidata da Ermete Realacci insieme a Ifel (Istituto per la Finanza e l’Economia locale dell’Anci) che ha presentato un elenco di 44 itinerari identificati nel 2016 dal Ministero dei beni Culturali ,che nel tempo aumenteranno di numero disposti lungo circa 15.000 Km parte della Via Francigena più conosciuta come la Via dei Pellegrini che dal nord arrivavano a Roma per visitare i luoghi  santi.  Il percorso attraversa 1.435 comuni di cui 944 piccoli e incontra 2.000 beni culturali e 179 Dop/Igp, di cui l’86% nei piccoli Comuni che si caratterizzano per una popolazione inferiore a 5.000 abitanti . Un matrimonio di bellezza e di economia questo tra Cammini e Piccoli Comuni visto- come evidenzia Coldiretti- che il 92% dei prodotti Dop e Igp

Enoturismo la vacanza più gettonata di questa estate dove Il distanziamento interpersonale non è un problema se la vacanza è nella vigna. Un modo di viaggiare che unisce gastronomia, turismo sostenibile ed esperienze autentiche, sempre più amato dai millennials, oltre che dai cultori del vino e da coloro che apprezzano le meraviglie della natura.  Tra le tante proposte che ci arrivano  abbiamo scelto alcune delle strutture che più di altre si fanno apprezzare per originalità  inserita in un contesto di vigne e uva Le terrazze nella vigna di Kranebitt (BZ) È un paesino di vignaioli appassionati Kranebitt (BZ), sulle colline di Bressanone. Qui la famiglia Haller ha trasformato il maso dei nonni in una struttura all’avanguardia dove l’esperienza nel vigneto è continua. Le 25 camere di Haller Suites & Restaurant sono inserite in un’architettura di tre piani a terrazzamenti in legno di larice ed ampie vetrate, per vivere l’immersione nella vigna dentro e fuori. Un luogo riservato con grandi spazi e possibilità all’aria aperta, dove scoprire i segreti della vite, partecipare ad esclusive degustazioni in cantina, assaporare prestigiose bottiglie di Kerner, vino tipico della Valle Isarco, e di Veltliner, Sylvaner, Riesling e Müller Thurgau, con i consigli della giovane sommelier Teresa. Calici da abbinare ai

Anche e soprattutto loro I Consorzi di Tutela del Vino player di riferimento per la valorizzazione e la promozione integrata dei loro territori. Un ruolo importante per contribuire allo sviluppo dell’Enoturismo, asset strategico per la ‘ripartenza’, attività ora normata dal Decreto Ministeriale dello scorso anno. Purtroppo un decreto  ancora poco conosciuto e applicato.  Una opportunità invece ben colta dai milleannnial ovvero i nati tra il 1981-1996 ( oggi 24-36 anni) che dal rapporto sul Turismo in Italia di Roberta Gariboldi sono e saranno i trascinatori dell’enoturismo  e dell’enogastronomia a livello mondiale   Una  opportunità  che implica la condivisione con le realtà consortili e con i Produttori del know-how, delle case histories e delle buone pratiche del settore. Sono le prime anticipazioni tratte dalla Ricerca “ENOTURISMO: I CONSORZI DEL VINO E IL TERRITORIO”, tuttora in corso, commissionata dal Consorzio Tutela del Gavi all’Università Bocconi, che verrà presentata in occasione dell’assegnazione del Premio Gavi LA BUONA ITALIA 2020: “Se, dal campione di Consorzi finora intervistato, l’80% dedica spazi alla comunicazione del proprio territorio e vede nell’Enoturismo un’opportunità importante per il comparto vitivinicolo in cui i Consorzi devono giocare un ruolo significativo - commenta Magda Antonioli, Direttrice della Laurea Specialistica ACME (Economics and Management

Se la bellezza e l’arte sono di casa nel nostro paese, non potevano mancare  nelle tenute dei grandi produttori di vino abitazioni opportunamente trasformate in affascinanti e impeccabili relais  dove trascorrere vacanze da sogno. Case dei contadini , abitazioni private, granai, ogni spazio è stato riadattato  con il massimo del confort e della discrezione senza perdere lo stile e l’atmosfera della tenuta, nel massimo rispetto dell’ambiente. Le cose belle come un quadro, un monumento , una piazza, un tramonto  più di quanto pensiamo suscitano ammirazione, piacere, stupore..perchè no anche le grandi bellezze del vino. Ne proponiamo alcune: GIOVANNI FOLONARI TENUTE UNA VACANZA ESCLUSIVA IN LIBERTÀ Libertà di un nome che ha fatto grande il vino italiano, espressione territoriale di qualità. Auguri a Ambrogio Folonari che proprio ieri ha compiuto i 90 anni  festeggiati con la famiglia nella Villa di Nozzole 3 ville nel cuore della campagna toscana per godere della  bellezza delle colline e di un’accoglienza di lusso. Villa e Casavecchia della Tenuta di Nozzole nel cuore del Chianti Classico, la dimora presso la Tenuta La Fuga di Montalcino: tre perle nel cuore della Toscana,  per vacanze in famiglia o con gli amici. Qui, come parte di un quadro, ogni architettura è magistralmente studiata

E’ un grido di allarme generale perché la chiusura ad oltranza di molte attività ricettive produce, a cascata  effetti  su  altri comparti, ma non è solo questione temporale è il come si riparte. Onestamente nessuno ha la bacchetta magica anche se  tutti, associazioni, enti, federazioni hanno le loro proposte spesso di categoria che mal si inseriscono in un contesto generale. Forse per il turismo è interessante sentire le voci minori che possono essere prese in considerazione per una estate alla portata di tutti, a partire dalla mobilità dolce e il turismo responsabile: un sistema che stava muovendo i suoi primi passi e che, rischia di tornare al punto di partenza. Ripartire dalla mobilità a piedi ed in bicicletta, - dice ancora la Donati-dalle ferrovie turistiche, la natura ed i piccoli borghi, il turismo lento tra le bellezze d’Italia – ha dichiarato Anna Donati, Portavoce della Alleanza AMODO - sono la soluzione per far ripartire il turismo, l’accoglienza locale e di lavoro, la fruizione della natura, in tempi di distanziamento sociale.” E’ lo slow tourism  che ha bisogno di coinvolgere  i territori, le Regioni, le Unioni Montane, i piccoli Comuni, le Province, gli Enti Parchi, le associazioni di volontari ed esperti del settore, delle

Attira sempre di più il turismo enogastronomico  e il nostro paese è ai vertici in Europa per un segmento il turismo esperienziale  che piace molto ai giovani. E’ quanto sottolinea l’edizione 2020 del “Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano”, curato da Roberta Garibaldi sotto l’egida della World Food Travel Association e l’Associazione Italiana Turismo Enogastronomico, presentato ieri a Milano. Il 71% delle persone in viaggio vuole vivere esperienze enogastronomiche da ricordare , mentre il 59% dei turisti preferisce le  esperienze a tema in grado di scegliere tra più destinazioni. “Si rafforza l’interesse dei turisti verso l’enogastronomia nei Paesi occidentali, e sono in forte crescita i turisti enogastronomici in Cina e Messico - afferma Roberta Garibaldi, curatrice del rapporto. Il totale di chi ha dichiarato di avere svolto almeno un viaggio con questa motivazione negli ultimi due anni a livello internazionale è pari al 53%. I Millennials guidano il trend tra le generazioni, mentre si affacciano i nuovi “super foodie”, i nati della Generazione Z: viaggiatori frequenti che già mostrano un alto interesse verso il cibo”. Un trend guidato da turisti sempre più “onnivori”, che sono quelli che in viaggio vogliono vivere un insieme variegato di esperienze arricchenti. E l’enogastronomia, già di per sé

I primi bilanci dell’industria turistica sul 2019 sono più che positivi: aumento della spesa pari al 6% e incremento del 3,5% delle presenze. Questi sono i dati emersi dall’incontro a Linate tra Federturismo Confindustria, Enit e Sea. I turisti stranieri continuano a scegliere l’Italia, con una spesa complessiva di 42 miliardi di euro nel 2019. Dopo l’oscillazione tra il segno più e il segno meno registrata durante la scorsa estate, il turismo in Italia ha riacquistato la sua forza e per l’anno appena iniziato Federturismo Confindustria prevede un aumento del 3% degli arrivi. Per proseguire sull’onda della crescita occorre, secondo il presidente di Federturismo e amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Gianfranco Battisti, investire ulteriormente nell’accessibilità delle varie destinazioni del Belpaese, agevolando i collegamenti e le porte di accesso grazie alla collaborazione tra i vari attori dell’offerta turistica. Armando Bruni, amministratore delegato di Sea, afferma la volontà di proseguire con la crescita degli aeroporti di Milano, ingresso privilegiato per le città del nord Italia. Anche Magda Antonioli, consigliere Enit e vicepresidente dell'European Travel Commision, ha sottolineato l’importanza di “promuovere l’Italia turistica sui mercati internazionali , in un mondo del travel sempre più dinamico e caratterizzato da viaggiatori esigenti”.