a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Cenone al ristorante per oltre 6 milioni di italiani

Saranno 6,3 milioni (6,2 milioni lo scorso anno) gli italiani che aspetteranno il 2019 in uno dei 93 mila ristoranti aperti l’ultimo dell’anno.

Il cenone costerà in media 80 euro (94 euro con un vero e proprio veglione) e si spenderanno complessivamente 507 milioni di euro. Ristoratori ottimisti sul tutto esaurito per la notte più lunga dell’anno. Spumante italiano batte champagne.

I dati della Federazione Italiana Pubblici Esercizi( FIPE)confermano che sempre più gli italiani decidono di celebrare l’ultimo dell’anno fuori casa.Saranno oltre 6,3 milioni (100.000 unità rispetto al 2017) a cenare, con o senza veglione, in uno dei 93.000 ristoranti (il 78,4% del totale) aperti per la notte di S. Silvestro. L’86% dei ristoratori si dice ottimista sulla possibilità di riempire il locale.
Cosa fai a Capodanno? Cena o veglione? Nove ristoranti su dieci puntano ad offrire solo la cena per la notte di Capodanno, mentre il restante 10% metterà a punto per i propri clienti anche un vero e proprio veglione con spettacoli dal vivo e musica. Per quanto riguarda i prezzi: per il cenone occorrono in media 80 euro a testa, mentre per cenone più veglione se ne spenderanno fino a 94 euro. La spesa complessiva stimata per i festeggiamenti della notte di S. Silvestro è di 507 milioni di euro.
Per brindare al nuovo anno sii stapperanno 1,8 milioni di bottiglie tra spumante e champagne con una netta preferenza per le bollicine nostrane 66,7 per cento e per il 28,1 per cento in condivisione con lo champagne che solo per un 5,3 per cento saranno da sole sui tavoli.

”Dai dati che abbiamo raccolto – dice Giancarlo Deidda Vicepresidente FIPE- circ 600 mila persone saranno al lavoro per permettere a tanti di festeggiare con una bella festa la notte del 31”.

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino