a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Degustazione: con Francesco Fenech, il mago della Malvasia

Certo scarrozzare per l’isola di Salina con Francesco Fenech a bordo del suo motorino roso fuoco, è inebriante quasi quanto gustare un sorso della sua Malvasia Passito DOC.

Una passione radicata nella famiglia Fenech di lontane origini Maltese e fortemente radicata nelle isole Eolie di cui si perde memoria. Un personaggio certo, la cui mole si ingentilisce quando mi porta tra i filari e prende con grazie sorprendente gli acini di Corinto Nero e Malvasia quasi a gustare in anticipo, la perfetta composizione della Malvasia delle Lipari( Malvasia 95%- Corinto Nero5%).

“Partiamo del terroir – dice – unico e molto composito quello che si estende tra Capo Faro e Pollara (ricordate il film “Il postino?” la spiaggia è li). Un territorio vulcanico che da nero-piroclastico, ricco di minerali ferrosi, diventa tufaceo-bianco, a Pollara, la zona più vocata di Salina. Malfa è a metà, dove risiedono la maggior parte dei miei vigneti, non più di sei ettari, variamente collocati e dove produco il Passito che ho tradotto e con successo nel biologico.

La nostra – sottolinea Fenech è una viticoltura eroica per via della siccità – disastrosa quest’anno, per l’attento lavoro manuale sempre sotto un sole cocente, per l’impossibilità ad utilizzare macchinari per via di filari posizionati in piccole porzioni di terra e collocati in zone il cui accesso è proibitivo anche per le mulattiere. Stranamente tutto questo ha facilitato il biologico e una filiera naturale. Non abbiamo bisogno di agenti chimici tanto la nostra terra è ricca di minerali”.

“C’è poi un valore aggiunto in questa parte di Salina, il vento da Nord-Ovest che regala alle nostre uve una buona freschezza che ben si sposa con la mineralità, la sapidità quasi iodata e quel trionfo di profumi che esplodono soprattutto nel passito: gelsomino, sentori di fichi, fichi d’India, albicocche mature, mirto, erbe aromatiche, capperi, quasi a intrappolare i silenzi, il cielo , il mare delle Eolie. Non mi sono fermato al passito: su consiglio Di Tasca d’Almerita ho prodotto una malvasia secca chiamata Magdalena come il nome di mia figlia. E’ andata a ruba”.

La tradizione continua – chiedo: “Sono contento perché i miei figli amano Salina e vogliono continuare il lavoro del mio bisnonno quando nel 1750, proveniente da Malta si installa a Malfa”. Arriva la filossera e molti dovettero emigrare. Ma il destino voleva che i Fenech rimanessero a Salina. Mio nonno arrivato in ritardo a Napoli non prese quella nave che lo avrebbe portato in Canada. Affondò allo stretto di Gibilterra”.

Segno del destino?

Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino