a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Dove nasce il cioccolato

Il cioccolato nasce nel Centro America precolombiano come bevanda energetica semiliquida. I Maya creano la prima piantagione di cacao, gli Aztechi loro successori, ne riservano il consumo alla casta nobiliare, ed è con intenti pacifici che ne offrono a Pisarro e ai suoi.

Il prodotto era però molto diverso dal cioccolato odierno. La pasta di cacao estratta dalle fave non era infatti dolcificata in alcun modo, ma semplicemente amalgamata a farina di mais, acqua e peperoncino. Ne risultava un intruglio amarissimo e bruciante, che ai conquistadores sembrò veleno, suscitandone la sdegnata reazione. Non per nulla “cioccolato” deriva dall’antica espressione nauhatl “choco-atl”, letteralmente “acqua amara”.

Le prime fave di cacao, ad ogni modo, arrivano in Spagna nell’ultimo quarto del Cinquecento, e la pianta viene classificata dai botanici col nome di “Theobroma (in greco, “cibo degli dei”) cacao”. Si deve alle religiose dei conventi la messa a punto di una ricetta più gradita al palato europeo, con aggiunta di zucchero e vaniglia. Da liquido il cioccolato diviene solido a partire dall’Ottocento, in seguito ai perfezionamenti introdotti dall’olandese Van Houten e successivamente prende la classica forma di tavoletta, ideata dallo svizzero Henri Nestlé. Resta, comunque, una solida tradizione del cioccolato in tazza, soprattutto nella Mitteleuropa e nella nostra Torino, una delle capitali mondiali del cioccolato.

Dall’originario Centro America, la pianta del cacao si è oggi diffusa nella fascia tropicale ed equatoriale dell’intero pianeta, nelle tre tipologie Criollo (la più qualitativa), Trinitario e Forastero, quest’ultima di gran lunga prevalente. Il record produttivo spetta ad alcuni paesi africani, quali Costa d’Avorio, Ghana, Nigeria e Camerun, seguiti da nazioni asiatiche come Indonesia, Papua, Nuova Guinea e Malesia. In tutti questi paesi, non sempre è chiaro ed etico il rapporto con la manovalanza locale, non di rado sfruttata. Label come Fair Trade e Commercio Equo e Solidale sono nati appunto per certificare l’equità dei rapporti tra raccoglitori e importatori europei.

Nel Cioccolato sono presenti all’incirca 500 molecole responsabili degli aromi ma a fare la differenza rispetto al prodotto industriale più massificato sono essenzialmente due fattori: il pregio delle piantagioni storicamente più rinomate (anche per il cacao, come per la produzione vinicola, si parla di cru) e l’accuratezza della lavorazione artigianale. La qualità migliore deve contenere a termini di legge almeno il 70% di cacao magro (in granelli e polvere), burro di cacao e zucchero, oltre all’emulsionante lecitina di soia. In base alle percentuali di cacao, al vertice si situa la categoria extra (cacao 45% e burro di cacao 28%), seguita dalla tipologia al latte (cacao 25%, con aggiunta di derivati del latte 14%), mentre il cosiddetto cioccolato bianco non contiene in realtà pasta di cacao, ma solo zucchero e burro di cacao 20%. Ai classici formati in tavolette, quadratini, praline o barrette, si aggiungono le infinite varianti con gli ingredienti più vari, quali fresca o secca, erbe, spezie e addirittura sale di salina (pregiatissimo fin dall’antichità, il nostro di Cervia).

La natura aromatica del cioccolato dipende in parte dal cru di provenienza, e in parte dai caratteri acquisiti durante i processi fermentativi e di torrefazione. Alimento fortemente energetico, il cioccolato è prezioso per sportivi, gitanti, viaggiatori. e sono in molti a sostenere- come per il vino- i benefici di un consumo moderato e regolare . Quanto alle non comprovate leggendarie virtù afrodisiache ,.un recente studio neurofisiologico sottolinea come il cioccolato che fonde nella cavità orale provochi un aumento dell’attività cerebrale e delle pulsazioni cardiache più intenso e duraturo di un bacio appassionato. Istintivamente, Anthelme Brillat-Savarin aveva ben colto tale prerogativa del cioccolato, quando nella sua Fisiologia del gusto affermava:
Beato il cioccolato, che dopo aver corso il mondo attraverso il sorriso delle donne, trova la morte nel bacio saporoso e fondente delle loro bocche”.

Ilaria Martinelli, master sommelier

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino