a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi

Panino, tramezzino, sandwich, toast ecc  sono tante le denominazioni per una preparazione povera e solo apparentemente semplice, che ha un numero sterminato di varianti anche etniche e gastronomiche.

Molto probabilmente il panino è nato dopo il pane, quando tra due fette di una  pagnotta fu inserito un altro alimento, da una foglia di verdura a una fetta di formaggio, salume o altro, fino alla cioccolata. In Italia, patria dei salumi, il panino evoca subito il pane e salame o la mortadella quando non il maiale  ed è indubbio che la sua origine è popolare dove il pane assume un ruolo più importante del salame.

Il tramezzino si dice si stato inventato nel 1925 a Torino da caffè Mulassano di Piazza Castello e si caratterizza per l’uso esclusivo di pancarrè. La denominazione comunque è successiva e si dice sia stata proposta da Gabriele d’Annunzio quando alla fine degli anni trenta il regime fascista mise al bando le parole straniere e si dovette trovare un sostituto al termine sandwich, che richiamava inoltre l’allora “perfida Albione”.

Il toast è costituito da due fette di pane imburrate o con maionese, tostato nel tostapane, da cui il suo nome e caratterizzato dalla presenza di prosciutto cotto trovando un successo quasi incontrastato.

Il Sandwich è di nobile origine inglese e prende il nome dal politico inglese del XVIII secolo John Montagu, quarto conte di sandwich, che secondo la tradizione durante le partite a carte o le gare di golf se lo faceva servire sul tavolo o sul campo pur di continuare a giocare. Tra le più note varianti il Club House Sandwich.

Oggi due panini appassionano i buongustai della Francia e dell’America dimostrando la lunga vita di questa preparazione: il lussuoso Toast di settantadue ore che si consiglia di associare con una coppa di Champagne . Si tratta di due fette di pane anche integrale  imburrate su di una faccia  e generosamente riempite con fette di tartufo. Il panino avvolto in una pellicola deve stare in frigorifero per settantadue ore, da qui la denominazione. Liberato dal suo involucro, una leggera e sapiente tostatura renderà croccante il pane ammorbidendo il burro senza scioglierlo!

Parliamo da ultimo ma non per ultimo del Panino Pastrami, gettonatissimo a Manhattan, ricetta  importata dagli Ebrei dell’Europa Orientale, contenente carne di manzo, tenuto in salamoia per un paio di giorni con spezie, cotta al forno e poi affumicata. Secondo la tradizione la carne è di pecora.

In conclusione, paese che vai panino che trovi!

Da “ Il piacere della tavola” di Giovanni Ballarin

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino