a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Il succo di melograno aiuta la memoria visiva

Siddarth P, Li Z, Miller KJ, Ercoli LM, Merril DA, Henning SM, Heber D, Small GW

Am J Clin Nutr 2019 Nov 12

Che la memoria subisca un rallentamento fisiologico con il passare dell’età, in particolare dopo i 45 anni  è cosa nota e scientificamente dimostrata. Per la maggior parte delle persone, questa perdita resta relativamente stabile nel tempo, anche se viene percepita in grado di interferire con le normali attività quotidiane. Gli interventi maggiormente accreditati si basano sull’allenamento mentale e su quello fisico, su un’alimentazione equilibrata e su uno stile di vita complessivamente corretto. 

Dal punto di vista nutrizionale gli alimenti che più concorrono a “ rafforzare “ la memoria sono dalla vitamina D agli omega-3 del pesce, dalla curcumina alla salvia. Alcuni gruppi stanno approfondendo anche gli effetti del succo di melograno, bevanda tra le più ricche di ellegitannini, polifenoli dotati di proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.

Ma veniamo allo studio dove sono stati messi a confronto gli effetti dell’assunzione quotidiana, per 12 mesi, di succo di melograno (236,5 mL) oppure di una bevanda placebo (simile per colore e sapore al succo di melograno, ma priva di polifenoli). I risultati sono stati valutati in tempi diversi con l’ausilio di  test mnemonici: prima dell’inizio dello studio, dopo 6 mesi e al termine dei 12 mesi. Sono stati inclusi nella ricerca uomini e donne di età compresa tra 50 e 75 anni, complessivamente sani e senza segni e sintomi di demenza. 

Dal confronto delle performances dei soggetti dei due gruppi è emerso un dato favorevole per quanto concerne la memoria visiva: i soggetti del gruppo che aveva assunto succo di melograno, infatti, hanno confermato i risultati ottenuti 12 mesi prima a questo test, mentre le performance di chi aveva assunto placebo sono risultate lievemente inferiori. 

Per quanto riguarda la memoria verbale, invece, il succo di melograno ha migliorato -solo nel breve periodo, 4 settimane- le valutazioni dei test specifici, , ma non  nel lungo periodo(12 mesi.) 

Gli Autori ammettono che l’effetto dell’assunzione di succo di melograno è limitata a un solo parametro di memoria, la memoria visiva tra i sei esaminati, ma sottolineano anche che l’assunzione di questa bevanda è una proposta di salute sicura e semplice a ogni età, i cui benefici, per quanto limitati, non possono essere considerati trascurabili soprattutto quando in aggiunta alle tante dimostrazioni positive sul rapporto dieta- e funzioni cognitive.

Quanto al meccanismo d’azione, gli Autori fanno riferimento al dialogo intestino-cervello mediato dal microbiota. I polifenoli del succo di melograno non possono infatti raggiungere il cervello perché bloccati dalla barriera emato-encefalica; ma i batteri intestinali si attraverso la produzione di urolitine, metaboliti che superano il filtro della barriera stessa, raggiungendo i circuiti della memoria.

CONCLUSIONI: l’assunzione giornaliera di succo di melograno potrebbe essere in grado di migliorare la memoria visiva dopo un periodo di assunzione di 12 mesi

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

Emanuela Medi giornalista professionista, ha svolto la sua attività professionale in RAI presso le testate radiofoniche GR3 e GR1. Vice-Caporedattore della redazione tematica del GR1 “Le Scienze”- Direttore Livio Zanetti- ha curato la rubrica ”La Medicina”. Ha avuto numerosi incarichi come il coordinamento della prima Campagna Europea per la lotta ai tumori, affidatole dalla Commissione della Comunità Europea. Per il suo impegno nella divulgazione scientifica ha ottenuto numerosi riconoscimenti: Premio ASMI, Premio Ippocrate UNAMSI, premio prevenzione degli handicap della Presidenza della Repubblica. Nel 2014 ha scritto ”Vivere frizzante” edito Diabasis. Un saggio sul rapporto vino e salute. Nello steso anno ha creato il sito ”VINOSANO” con particolare attenzione agli aspetti scientifici e salutistici del vino. Nel 2016 ha conseguito il diploma di Sommelier presso la Fondazione Italiana Sommelier di Roma.. Attualmente segue il corso di Bibenda Executive Wine Master (BEM) della durata di due anni.