a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Le soste di Ulisse: ambasciatori nel mondo della gastronomia siciliana

Vola alto   l’Associazione Le Soste di Ulisse che non vuole essere solo un progetto di eccellenze enogastronomiche siciliane  ma un modello  di  cultura  che spazia dalla gastronomia, al territorio, all’arte, alle piccole imprese agricole, e non, e la materia c’è tutta: La Sicilia.

La passione c’è, la volontà anche, la progettualità non manca a un piccolo gruppo di amici ” eravamo 5- dice Pinuccio La Rosa membro del direttivo- quando nel 2002 decidemmo di creare un’Associazione con l’obiettivo di  preservare e tramandare l’eccellenza territoriale enogastronomica di una terra unica al mondo per prodotti, originalità e fantasia  di una cucina unica nel suo genere. Ma quale è l’originalità di questo modello siciliano?
Abbiamo capito -dice  Pino Cuttaia presidente dell’Associazioneche dovevamo superare l’individualismo tipico del siciliano, per creare una squadra forte, convinta e convincente  il cui obiettivo era di rilanciare meglio far conoscere la territorialità  e la  gastronomia siciliana  attraverso il più semplice  e naturale dei modi:  i piatti siciliani.
Bisognava riscoprirli nella loro autenticità attraverso le tante ricette tramandate da padre in figlio , utilizzando i prodotti nostrani: melanzane, pomodori, agrumi, formaggi ecc  e farli conoscere ..
Ma l’eccellenza- continua il presidente- non è solo nell’idea ma soprattutto in coloro che la realizzano: i cuochi nostro punto di forza e di prestigio”. Da cinque a 47 associati: ristoranti gourmet (tra cui gli chef stellati presenti nell’isola), Charming Hotel, Maestri pasticceri, blasonate cantine, aziende legate al mondo enogastronomico, aziende vitivinicole e aziende leader.

Ma LE SOSTE DI ULISSE non sono solo momenti magici di gastronomia , di chef stellati e di cucine di minor prestigio ma autentiche nel loro sapere culinario e contadino,  vogliono essere punto di riferimento e sostegno anche economico per le tante piccole aziende  di non pochi  giovani che sono tornati all’agricoltura locale per farla crescere  e rivivere.. il loro futuro è il futuro della Sicilia..L’Associazione  attentamente sorvegliata nella qualità dai suoi tutor, si espande, il progetto non può che ampliarsi per inglobare il turismo, l’arte, i paesaggi naturalistici e la Sicilia  i cui abitanti amano  l’Etna madre distruttrice ma feconda che non li delude tanto è ricca di tutto quello che ancora cela e che deve essere scoperto.

Festa grande festa il 31Marzo e il 1 aprile con l’evento” Sicilia da vivere. Terre , mari, uomini” presso il Grand Hotel Minareto di Siracusa (new entry assieme all’Hotel Monaci delle Terre Nere di Zafferana Etnea), meraviglia di charme e accoglienza: qui di fronte a Ortigia (l’antica isola greca V sec A. C,  da cui  sorse l’odierna Siracusa) si è consumato uno Street Food degno di Trimalcione (ne diamo piena visibilità in CIBOSANO PARLA DI VOI), dove la fantasia più sfrenata è stata ampiamente superata da arancini nelle sue infinite versioni, panini farciti con interiora di agnello e maiale, sempre panini con varianti di pesce, lasagnette al fois gras, e poi dolci.. cannoli alla ricotta (ma come la fanno così perfetta?), al pistacchio, alle nocciole, dolcetti di martorana, mandarino gelato con interno di crema di albicocche.. impossibile assaggiarli tutti; rimane il ricordo dei colori, dei profumi, dell’attenzione quasi maniacale dei tanti cappelli dei cuochi chinati a mettere chi un ciuffo di erbe aromatiche, chi a sprizzare dalla tasca un goccio di salsa che incredibilmente dà quel tocco in più..

Ambasciatori de Le Soste di Ulisse Salvo Ficarra e Antonio Cannavacciuolo, poi ancora non hanno fatto mancare la loro presenza Gennaro Esposito, Chicco Cerea, David Scabin, Raffaele Alajmo, Filippo La Mantia.

La manifestazione ha avuto un momento importante di riflessione e di proposte nelle tavole rotonde che si sono svolte su temi dell’accoglienza, del turismo, della cucina, dell’etica e della formazione professionale cui hanno preso parte giornalisti,imprenditori e politici. Molto sentita la necessità di migliorare l’accoglienza in sala con personale preparato, il turismo a partire dagli scali aeroportuali(inesistenti), alla comunicazione: non basta vedere bisogna saper raccontare. Immancabile il finale con il Gran Galà e le sue meraviglie gastronomiche.. preparate nemmeno a dirlo dagli chef  de Le Soste di Ulisse.

Emanuela Medi, giornalista, sommelier

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino