a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Nasce “É”: per brindare all’estate

Il primo Rosè  di MORA&MEMO firmato da Elisabetta Pala: un blend di Cannonau e Monica, prodotto in settemila bottiglie, vuole brindare all’estate che in Sicilia per la verità con 40 gradi, è già arrivata. Abbiamo conosciuto Elisabetta a Vinitaly  nell’ambito della degustazione organizzata dalle Donne del vino, dal titolo” una degustazione rivoluzionaria” per l’età delle imprenditrici  tutte under 30, per la vivacità e la passione dimostrata ma soprattutto per la capacità di aver offerto vini interessanti e nuovi.

Elisabetta Pala figlia d’arte ha voluto dare un’impronta personale all’azienda di famiglia con una giovane cantina situata a Serdiana  piccolo borgo del vino nel sud Sardegna.  Il  nome scelto per la nuova etichetta, un blend di Cannonau e Monica  vuole confermare il forte legame tra la cantina e il suo territorio.

“Il rosato sta vivendo un momento magico nei gusti dei consumatori – afferma Elisabetta Pala, a capo di Mora&Memo – soprattutto dei più giovani, anche in un paese come l’Italia tradizionalmente poco appassionato al consumo di rosé. Quando ho deciso di arricchire la nostra offerta, non ho avuto dubbi: volevo un vino capace di conquistare tutti, anche chi preferisce bere altro durante l’aperitivo o la cena. Un vino fresco che ricorda il sole brillante della Sardegna e il profumo delle sere d’estate”.

La fierezza del Cannonau (50%) e la morbidezza del Monica (50%) danno vita a un vino dal colore rosa salmone, dal bouquet elegante e intenso: prevalgono i piccoli frutti rossi, ciliegia, lampone, mora, con note floreali e una piccola salinità. Frutto della vendemmia 2018, dopo un breve contatto con le bucce, il mosto fermenta in vasche di acciaio con lieviti selezionati a temperatura costante di 15° C.

La nuova etichetta è proposta in sole 7000 bottiglie, ciascuna custodita in un’originale Bordolese Cubana Supreme con fondo spesso e tappo in vetro, nello stile Mora&Memo. Sull’etichetta tornano le bandidas di Katia Marcias: donne forti, che per l’occasione  cedono un pò della loro austerità e si fanno più audaci, seducenti. Proprio come il vino  che vogliono raccontare.

La scelta del nome segue la tradizione voluta da Elisabetta: E’ gioca con la finale di rosé come già fatto per Nau (Cannonau), Ica (Monica), Tino (Vermentino di Sardegna) e Tino Sur Lie.

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino