a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Nell’ultimo anno sono scomparsi 100 mila ettari di terra

Cementificazione, concorrenza sleale, prezzi bassi agli agricoltori, cambiamenti climatici e animali selvatici: sono queste solo alcune delle cause che stanno contribuendo all’erosione del patrimonio di terra coltivata del nostro paese, secondo Coldiretti, Istat e Ispra (Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale).

I dati sono stati diffusi recentemente, a ridosso della Giornata Mondiale della Terra che si è celebrata lo scorso 22 Aprile, e parlano chiaro. Nell’ultimo anno, in Italia, si sono persi 100 mila ettari di terra coltivata: nel 2019 la superficie coltivata è infatti scesa ancora, attestandosi ad appena 11,3 milioni di ettari.

Ad andare persi sono inoltre circa 24 mila ettari di terreni coltivati a foraggere destinato all’alimentazione degli animali, e 21 mila ettari di prati permanente e pascoli.

Tra le cause principali troviamo la cementificazione selvaggia dei territori, che sta gradualmente distruggendo gli spazi verdi ed i percorsi lungo i fiumi, senza dimenticare i pascoli di altura, usati tradizionalmente anche per la transumanza delle greggi,  il riconoscimento economico sempre più misero per i lavoratori del mondo dell’agricoltura, la concorrenza sleale di carni e formaggi stranieri spacciati per italiani, e non ultimi i cambiamenti climatici, sempre più frequenti, che estremizzano gli agenti atmosferici, alternando periodi di dure siccità a precipitazioni intense, le cosiddette bombe d’acqua, che il terreno non riesce poi ad assorbire.

Il risultato di tutto questo è un comparto, quello dell’agricoltura, sempre più fragile, le cui condizioni alimentano l’abbandono dei territori, soprattutto nelle aree più interne, trend sempre più in aggravamento, e l’aumento del rischio di frane e alluvioni in molti comuni Italiani (ben 7275 di essi sono esposti proprio a questo rischio).

Claudio Chiricolo

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino