a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi

Assegnato il premio Angelo Betti “Benemeriti della Vitivinicoltura Italiana” a Vinitaly

È stato assegnato a Vinitaly il premio “Benemeriti della Vitivinicoltura Italiana”, Premio riconosciuto su base regionale ed intitolato ad Angelo Betti, ideatore di Vinitaly. Il premio viene assegnato dal 1973 ai grandi interpreti del mondo dell’enologia Italiana, su segnalazione degli Assessorati regionale all’agricoltura; si tratta di quelle personalità che con la propria attività professionale o imprenditoriale, hanno contribuito a sostenere il progresso nella produzione viticola ed enologia del proprio territorio.

Ecco dunque i nomi dei vincitori:

Francesca Margiotta (Abruzzo); Paride Leone (Basilicata); Ciro Giordano (Campania); Roberto Ceraudo (Calabria); Pierluigi Sciolette (Emilia-Romagna); Manlio Collavini (Friuli Venezia Giulia); Giovanni Terenzi (Lazio); Viticoltori Ingauni Societa’ Agricola Cooperativa (Liguria); Luca Formentini (Lombardia); Adriano Lorenzi (Marche); Azienda Vitivinicola Terresacre (Molise); Vincenzo Gerbi (Piemonte); Franz Pratzner (Provincia Autonoma Di Bolzano); Enrico Zanoni (Provincia Autonoma Di Trento); Giuseppe Baldassarre (Puglia); Giovanna Chessa (Sardegna); Nino Caravaglio (Sicilia); Ferdinando Guicciardini (Toscana); Roberto Di Filippo (Umbria); Agostino Buillas (Valle D’aosta); Armando De Zan (Veneto).


Assegnati i “Sol D’oro” alla nuova categoria “Absolute Beginners”

Sono stati assegnati lunedì 8 aprile 2019 i premi Sol d’Oro, d’Argento e di Bronzo della nuova categoria “Absolute Beginners” del concorso Sol d’Oro Emisfero Nord 2019 , a trionfare sono stati il Monovarietale Raggiola dell’azienda Felsinadi Castelnuovo Berardenga (SI), il Casa Pietraia dell’omonima azienda di Certaldo (FI) e il Kante Cuveé della slovena Kmetija Kante di Sempas i vincitori della categoria “Absolute Beginners” di Sol d’Oro.

Gli “Absolute Beginners” sono gli oli extravergine di oliva proveniente dai piccoli produttori le cui aziende non producano più di 1500 litri di olio, che fino alla scorsa edizione venivano esclusi dalla competizione. Con l’introduzione della nuova categoria hanno avuto la possibilità di sfidarsi in una degustazione alla cieca presieduta da un panel internazionale di prestigio.

L’iniziativa è organizzata da Veronafiere, dal 2002, ed ha posto come obiettivi quelli del miglioramento qualitativo delle produzioni oleicole attraverso il confronto dei produttori da tutto il mondo, oltre a fornire poi uno strumento di marketing alle aziende vincitrici.

La giuria multidisciplinare che ha valutato i 16 finalisti, composta da chef, giornalisti specializzati e panelist, è stata presieduta da Tano Simonato, chef stellato del ristorante Tano Passami l’olio di Milano. “È stata un’esperienza molto divertente e stimolante”, ha affermato Simonato. “È importante che cresca una nuova generazione di produttori olivicoli che domani ci possa stupire, proponendoci oli con straordinarie sensazioni che noi chef possiamo poi proporre ai nostri ospiti”.

 


Nuova partnership tra Mezzacorona e Val D’Oca per il Prosecco in USA

Il gruppo Mezzacorona e la Cantina Produttori Valdobbiadene-Val D’oca hanno recentemente annunciato la stipula di una nuova partnership tra loro con l’obiettivo di valorizzare il Prosecco Val d’Oca negli Stati Uniti.

L’accordo prevede che sia la Prestige Wine Imports Corp., e ciò l’importatore americano di proprietà del gruppo Mezzacorona a commercializzare in esclusiva il Prosecco Val d’Oca sul mercato degli Stati Uniti.

Per il gruppo Mezzacorona, fondato nel 1904, (1600 soci produtori) gli Usa rappresentano una parte cospicua del proprio fatturato, che nel 2018 è stato di 188 milioni di euro, e sono il primo mercato assoluto davanti ad Italia, Germania e Regno Unito.

Val d’Oca è invece il braccio commerciale della Cantina Produttori Valdobbiadene, fondata nel 1952, leader nella produzione di Prosecco Docg e Doc, grazie a 600 soci può vantare un fatturato di 45 milioni di euro.

A cura di Claudio Chiricolo

 

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino