a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Piccoli e preziosi : la nostra rubrica alla scoperta delle unicità  di vignaioli meno noti

I biodinamici:

Riecine – Rosè for Jasper 2014

In una categoria difficile come quella dei rosati, la filosofia non interventista e rigorosamente biodinamica di Riecine, la potenza del terroir di Gaiole in Chianti e la mano sapiente del consulente aziendale Carlo Ferrini riescono, incontrandosi, a dare vita ad un prodotto di distinto carattere ed ottima piacevolezza come Rosè for Jasper 2014, rosato da Sangiovese affinato per ben otto mesi in vasche di cemento non vetrificato. Figlio di un’annata rinomatamente difficile – al punto che uve originariamente destinate ai rossi potrebbero essere confluite in questo fratello minore – svela un color occhio di pernice che ricorda i grandi champagne Blanc de Noirs, ed incanta con i suoi ammiccanti toni ossidativi, forieri di profonde sensazioni di ruggine, spezie dolci e creme de cassis. A fronte dei soli 11,5 gradi alcolici, il sorso spicca per dinamismo e piacevolezza, proponendo uno sviluppo verticale sul filo della freschezza e stupendo con un bell’allungo fruttato e minerale.

Punteggio: 88 – Prezzo: 18 € – Abbinamento: Baccalà alla vicentina.


Matteo Ceracchi – Cesanese Deanike 2014

Nuovo espediente in quel di Olevano Romano per il viticoltore Matteo Ceracchi, già titolare della celebre azienda “Piana dei Castelli” di Velletri. Rubino compatto nell’ammanto, Deanike esordisce con un tripudio di sentori piccanti che spaziano dalla noce moscata alle erbe di macchia, virando presto verso sensazioni di ciliegia nera, mirtillo, humus e cenere di camino. Corposo ma longilineo, sfoggia il tipico tannico rustico del Cesanese e lo ingloba in uno sviluppo scattante, volgente a toni di erbe disidratate nella corroborante chiusura. Interpretazione archetipica del Cesanese olevanese, fermenta spontaneamente in vasche di cemento e non subisce filtrazione.

Punteggio: 89  – Prezzo: 16 €– Abbinamento: fettuccine al ragú – salsicce alla brace – a merenda con una fetta di salame felino.


Rari e artigianali:

Monteccappone- Sauvignon Spumante Brut. Non piccolissima ma a conduzione strettamente familiare è l’azienda della famiglia Mirizzi in quel Jesi. Protagonista della produzione aziendale è sicuramente il Verdicchio, che trova la sua massima espressione nella Riserva “Utopia”. Non mancano, tuttavia, proposte insolite come questo Sauvignon spumantizzato con Metodo Charmat Lungo. Paglierino con perlage piuttosto fitto, esprime sensazioni di pompelmo rosa, bosso, mughetto, salsedine ed erbe aromatiche. Sorso molto morbido, solleticato da perlage brioso e nitido nei ricordi di mandorla dolce.

Punteggio: 84Prezzo: 14 € – Abbinamento: Finger food di pesce – Dove trovarlo: Enoteca Bomprezzi, Roma


Tenute Spinelli – Offida Pecorino Artemisia 2017

La produzione è assai esigua, ma i vini della famiglia Spinelli offrono costanza qualitativa e perfetta aderenza al terroir dell’entroterra Piceno. Solo gli autoctoni Pecorino e Passerina sono impiegati per la produzione delle tre etichette aziendali, tra le quali spicca la selezione Artemisia, Pecorino di Offida DOCG dal carattere duro e puro. In annata 2017 evoca reminiscenze altoatesine, offrendo aromi ancora timidi di biancospino, mughetto, mandorla acerba, lime e melone estivo corredati da un soffio minerale. Il sorso é tenacemente fresco e longilineo, ammorbidito da spennellate fruttate che ne irrobustiscono la struttura ed allungano il tenace finale salino. Crescerà negli anni, rivelando l’ancora sotteso carattere terziario.

Punteggio: 87Prezzo: 12 € – Abbinamento: Frittura di pesce – Chitarrina ai frutti di mare.


U TabarkaCarignano del Sulcis Rossou 2011

Nel cuore della bellissima Isola di San Pietro nasce questo Carignano denso, caloroso, pingue e materico alla visiva con sfumature violacee che tingono il bicchiere. L’olfatto disserra aromi di mirto, eucalipto, arbusti bruciati, olive in salamoia e cacao amaro. L’assaggio è potente ma dinamizzato da giusta freschezza e veemente nerbo sapido. Si eclissa lasciando un lungo eco salino, memore dei venti iodati che battono i vigneti e dei terreni sabbiosi impregnati di salsedine.

A Carloforte lo abbinano al tonno in umido. Noi lo vediamo ancor meglio con un maialino al mirto o un capretto al forno con patate.

Punteggio: 90Prezzo: 13 €


Appuntamento il prossimo mese con altre piccole e preziose gemme viticole.

Raffaele Mosca, master sommelier

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino

Nessun commento

Lascia un commento