a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Ristorazione mondiale: la classifica premia la Francia, e l’Italia esce dalla top 50

È il Mirazur di Menton, in Francia, il miglior ristorante al mondo per la “World’s 50 Best Restaurants 2019”, la classifica più autorevole della ristorazione mondiale che si avvale dei giudizi di 1.040 esperti di tutto il mondo, è stata ospitata per la prima volta in Asia, a Singapore.

Lo chef argentino Mauro Colagreco, delle tre stelle Michelin della Costa Azzurra ha spodestato,  Massimo Bottura, che ha portato l’Osteria Francescana di Modena per ben due volte sul gradino più alto, nel 2016 e nel 2018,  Sul podio anche il Noma, nella sua nuova veste e location, alla posizione n. 2, simbolo della rivoluzione culinaria del Nord Europa, guidata da René Redzepi, già vincitore, come visto, in quattro precedenti edizioni, e l’Asador Etxebarri di Atxondo, in Spagna, alla posizione n. 3, mentre il primo tra gli italiani è Enrico Crippa, che con il Piazza Duomo di Alba (in partnership con la famiglia Ceretto) è alla posizione n. 29 (era alla n. 16 un anno fa), davanti ai fratelli Raffaele e Massimiliano Alajmo, anima de Le Calandre di Rubano, alla posizione n. 31 (dalla n. 23 raggiunta nel 2018).

Non è andata benissimo per l ‘Italia: Niko Romito è scivolato fuori dalla top 50 (al n. 51), mentre la buona notizia arriva dall’ingresso nel gotha della ristorazione mondiale di Mauro Uliassi, nuovo tre stelle Michelin di Senigallia, alla n. 61, del Lido 84 di Riccardo Camanini, di Gardone Riviera, cui è andato anche il premio “One to Watch”, al ristorante dal maggiore potenziale, alla n. 78, e del St Hubertus di San Cassiano dello chef Norbert Niedekofler, altro tre stelle Michelin, alla posizione n. 116. Merita una menzione anche Il Ristorante – Luca Fantin, italianissimo tra i fornelli e nello stile, ma a Tokyo, alla n. 107.

Edizione diversa questa del 2019, con i vincitori delle passate edizioni fuori concorso,  e che brinda italiano, con Bellavista, nome top della Franciacorta come sparkling wine partner.” La World 50 Best Restaurant 2019 torna il prossimo anno in Europa , a Parigi il 16 settembre 2020.

» Tutta la “World’s 50 Best Restaurants” dal n. 50 al n. 1

 

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino