a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi

Degustazione organizzata al Vinitaly 2019 da Wine & Spirit Education Trust – WSET e presentata da Enrico Donati della WSET di Ravenna.

All’inizio ci ha illustrato le caratteristiche del vitigno Sauvignon Blanc vitigno ad alta acidità,  vinificato secco, quindi senza residui zuccherini; raramente vinificato e maturato in legno. È  un vitigno aromatico, ricco di metossipirazzine, erbaceo, di corpo leggero-medio. Preferisce climi freschi o temperati, si adatta a diversi tipi di suolo ed ha  profili aromatici  facilmente riconoscibili: Erbaceo (erba tagliata); Vegetale (asparagi, peperone verde); Floreale (fiore di sambuco); Agrume (limone, lime); Frutta bianca (mela, uva spina); Drupa (pesca, albicocca); Frutta tropicale (frutto della passione).

Sauvignon Blanc in degustazione.

Il primo è il francese Vacheron Sancerre Loira 2017

Vino secco, che non fa legno. È  di un colore paglierino limpido. Dal naso pulito, media intensità, sentori di lime, mela verde accompagnata da una nota di alga. Erbaceo. In bocca è  secco, asciutto, verticale. Alta acidità agrumata, lime. Vino dal corpo medio, corrispondenza gusto-olfattiva. Lunga persistenza. Vino molto buono.

Il secondo è il Koyle Costa Cuarzo Colchagua Costa Sauvignon Blanc 2018

Proviene dalla  costa cilena caratterizzata dal  clima fresco dalle Ande. Colore paglierino limpido. All’olfattiva  presenta una media intensità con iniziale nota fruttata di pesca bianca, poi erbacee e agrumate fava, fagiolini. Alla gustativa è secco con alta acidità.di medio corpo, più carnoso rispetto al precedente. Lunga persistenza: vino più teso e sferzante.

Il terzo è il Sauvignon Blanc 2018 di Cloudy Bay, vino famoso della Nuova Zelanda

Certo può essere ripetitivo descrivere il  colore paglierino limpido, ma dal naso sfacciato, estroverso, di alta intensità. Sentori del frutto della passione, poi agrumato, pompelmo. Meno erbaceo dei precedenti. In bocca è secco, con alta acidità, di corpo medio. Corrispondenza retro-olfattiva. Persistente e equilibrato. Molto  buono.

L’ultimo Sauvignon Blanc in degustazione è il Lagrave-Martillac 2016 che nasce a Bordeaux, assemblato con il Semillon

Vino dal colore paglierino limpido. Naso pulito,alta intensità. Speziatura da legno. Note tostate di mandorla. Pesca matura, mela gialla. Nota di scorza di arancia. Alla gustativa è secco con alta acidità. Ritorni di legno, tostato, poi buccia d’arancia. Speziatura, cannella. Vino lungo, di buona struttura datagli dal Semillon. Molto buono.

Donati ribadendo che il Sauvignon Blanc si adatta molto bene ai vari terroir, oltre alla Francia, alla Nuova Zelanda e al Cile, in degustazione, ha detto delle buone performance in Friuli, dimenticando l’Alto Adige. Sicuramente non avrebbe sfigurato il TWC Sauvignon Blanc 2016 di San Michele Appiano, presentato a Vinitaly. Un vino molto amato da Hans Terzer, importante winemaker, che costituisce la terza perla dopo Il Sauvignon 2015, Il Pinot Nero 2015 e ora questo 2016 della sua The Wine Collection. Proveniente da parcelle selezionatissime di vigneti tra i 25 e i 35 anni di età,  terreni ghiaiosi a contenuto calcareo. Il mosto fermenta in acciaio, successivamente viene trasferito per 12 mesi in tonneaux di rovere e poi per altri 12 mesi in vasche d’acciaio. Alla visiva è di un colore giallo paglierino limpido e lucente. All’olfattiva il bouquet è  ampio e generoso, dai sentori di note fruttate come kiwi, ribes e pesca bianca, poi note erbacee e vegetali, che si sviluppano in un sottofondo minerale e speziato.Alla gustativa è profondo ed espressivo con  ritorni di frutta persistenti. Minerale, sapido e fresco.

Equilibrato ed elegante: vino … da collezione…

Luigi Gorietti , sommelier

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino