a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Si è chiuso VINITALY 2019 – Come è andata

La 53^ edizione di Vinitaly si è conclusa lo scorso mercoledì 10 Aprile: il bilancio finale è stato molto positivo, con un totale di 125.000 visitatori presenti, arrivati da oltre 145 nazioni diverse. Tantissime anche le aziende espositrici presenti, ben 4600, 130 in più rispetto allo scorso anno, disposte su più di 100.000 metri quadri espositivi. Secondo gli è organizzatori si è trattato del più grande Vinitaly mai organizzato. Cresciuto anche il numero di Buyers esteri accreditati (33.000 persone, +3% rispetto lo scorso anno).

Bene anche il fuori salone “Vinitaly and the City”, organizzato per i non addetti ai lavori, che si è tenuto principalmente a Verona e nei 3 borghi storici della provincia (Bardolino, Valeggio sul Mincio e Soave). L’obiettivo degli organizzatori è stato dunque centrato in pieno, ovvero quello di indirizzare i buyers alla Fiera ed i Winelovers in città, per un Vinitaly che migliora sempre di più questa tipologia di selezione.

L’ultima edizione di Vinitaly ha fornito uno spaccato sul mondo del vino italiano e globale. Su tutto emerge la volontà dei buyer e dei produttori di voler spingere vini biologici, vini prodotti da uve autoctone e che raccontino la storia di un territorio, vini artigianali e biodinamici: risulta chiara la transizione dei produttori che se qualche anno fa potevano sembrare “improvvisati” sul nuovo trend, oggi sempre più spesso si affidano alle certificazioni, con beneficio indubbio anche per il consumatore finale. In forte crescita anche la categoria dei Vini Rosati, sempre più apprezzati e consumati.

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino