a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
HomeArticoli taggati"eventi"

eventi Tag

Era ormai prevedibile e auspicabile lo spostamento della data della 54a edizione di Vinitaly  dettata dall’emergenza coronavirus e dalle difficoltà economiche ad essa collegata soprattutto per il comparto vini. Bene ha fatto il Gruppo Veronafiere  per attuare tutti gli investimenti necessari e presentarsi al meglio al 2021.  Questo il Comunicato Stampa del Gruppo Veronafiere Il direttore generale Mantovani” Il post emergenza per noi si chiama rinascita. Rivoluzionato il calendario per sostenere il business delle imprese e dei settori. Vinitaly al 2021, nelle date già fissate nel calendario del prossimo anni:18-21 Aprile, Investimenti straordinari sugli eventi di settore all’estero”  «Il perdurare dell’emergenza Coronavirus a livello nazionale, con il susseguirsi dei decreti urgenti della presidenza del Consiglio dei ministri, e la più recente propagazione dello stesso a livello europeo e non solo, hanno reso improcrastinabili alcune decisioni. Per tali ragioni Il consiglio di amministrazione, d’intento con la direzione generale e il management, ha deliberato oggi in merito a molteplici aspetti essenziali per il proseguimento dell’attività del Gruppo. Fra questi, la ridefinizione di obiettivi, strategie e investimenti per la messa in sicurezza dei prodotti, della propria clientela e del business dei settori correlati», sottolinea il presidente di Veronafiere Maurizio Danese. «Occorre ricordare – conclude Danese – che questa situazione complessa

Tempo e pazienza- dicono gli esperti- anche per il calendario degli eventi che potrebbe subire ulteriori modifiche: saltate Dusseldorf e Prowein( faranno sapere) confermata la data per Vinitaly dal 14 al 17 giugno con opera Wine By Wine Spectator  il 13 giugno), in contemporanea con Vin Natur a Gambellara dal 13 al 14 giugno, ViniVeri a Cerea 12-13 giugno e Natural Born Wines, salone dei vignaioli naturali dal 14 al 16 giugno. Per quanto riguarda l’enogastronia Vinòforum- Lo spazio del gusto, storico appuntamento della capitale, farà slittare l’evento addirittura a settembre dall’11 al 20 cosi come Taste si presenterà alla Leopolda di Firenze dal 5 al 7 di Giugnoe lo stesso Cibus una delle più importanti fiere alimentari italiane ha deciso di rimandare forse a luglio o a settembre invece della programmata data del 11-14 maggio. Conferma dal 5-7 maggio per Macfrut dell’Ente Fiera di Rimini che a grande richiesta dei produttori ortofrutticoli ha confermato la data. Certo non è solo il nostro paese a dover effettuare spostamenti : rinviato – fa sapere un comunicato della Salle de presse du Bourgogne- l’evento “ Les Grands Jours de Bourgogne” in cui  vengono presentati i propri cru, come rischia la prima settimana

E’ Corey Squarzoni il miglior bartender italiano vincitore della settima edizione di Campari Barman of the Year 2020, che si è disputata il 14 gennaio a Roma. [caption id="attachment_13922" align="alignleft" width="255"] La finale[/caption] Evento speciale aperto al pubblico per assistere  in diretta a una finalissima accesa in cui i tre finalisti Corey Squarzoni, Riccardo Carboneschi e Martina Proietti si sono confrontati senza esclusione di colpi , meglio di cocktail per il primo posto della Campari Barman Competition. La gara, rivolta ai bartender d’Italia e organizzata da Campari Academy si è aperta il 13 gennaio a Cinecittà con la partecipazione di 14 bartender. La finalissima il 14 sera ha incoronato Corey Squarzoni con il suo esclusivo cocktail ispirato a Red Diaries la celebre serie di short movie di Campari diretti nei diversi anni da famosi registi come Matteo Garrone, Paolo Sorrentino e Stefano Sollima. Tema ricorrente il Cinema,  con cui Campari ha un forte legame, confermato lo scorso anno alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica- la Biennale di Venezia. [caption id="attachment_13923" align="alignleft" width="259"] La giuria a lavoro[/caption]

Il 17 e 18 novembre prossimo si svolgerà Back to the Wine 2019 presso la fiera di Faenza, manifestazione della Romagna arrivata alla quarta edizione. In questo incontro si esprimono produttori, distributori e amanti del vino che cercano un approccio di “ritorno al vino artigianale”. Il vino interpretato dal manifesto di Back to the Wine è definito come “un atto agricolo, che deve essere necessariamente responsabile, avendo l’attenzione di procurare il minimo impatto ambientale possibile” e “frutto di pratiche di cantina che dovrebbero avere cura di accompagnare l’uva in una trasformazione più naturale possibile, limitando al minimo le manipolazioni”. Una visione in cui la persona, il lavoratore e l’uomo siano il centro della produzione enologica, come espressione culturale, tradizionale ed emozionale di artigianato. Le cantine selezionate con questa impostazione di produzione che prenderanno parte sono 150 con più di 800 etichette che rappresenteranno l’eccellenza Italiana e la produzione estera di alcuni produttori provenienti da Slovenia, Francia, Spagna e Georgia. Le etichette e i produttori che presidieranno l’evento hanno un approccio produttivo comune che vede una grande attenzione alla sostenibilità ambientale, al non utilizzo di chimica di sintesi, al rispetto del territorio e a un metodo di lavoro che riduce al minimo l’intervento

E’ veramente Di TUTTO DI PIU’, BONTA’ il Salone delle Eccellenze Enogastronomiche dei Territori   che domani chiude a CremonaFiere( 9-12 novembre)  dopo 4 giorni di novità   e cibo di alta qualità provenienti da 16 regioni d’Italia con 2.000 prodotti artigianali dei territori Non solo cibo ma anche educazione alimentare, i nuovi trend del mercato che rispecchiano l’interesse dei consumatori e degli operatori del settore E ora qualche curiosità: presentato  il Mais corvino. Un tipo particolare di mais, dal chicco nero e allungato, che veniva coltivato dai Maya già nel 3.500 avanti Cristo ma che in Italia non si coltivava più dal 1700. Si tratta di un alimento che ha caratteristiche molto particolari: ha il doppio delle proteine e il 20% in meno di carboidrati rispetto al mais normale. Inoltre ha 20 volte tanto gli antiossidanti presenti nel mais comune. Carlo Maria Recchia, 26 anni, è un giovanissimo imprenditore agrario  il primo e unico produttore e distributore di Mais Corvino in tutta Europa. Nel 2010 il ragazzo riesce ad avere i primi 40 semi dell’antico cereale e per i successivi due anni li coltiva per moltiplicarli ed avviare la produzione.  Oltre alla farina l’ Azienda Agricola Maiscorvino produce farina, pasta, biscotti,

Un fine settimana con il bicchiere in mano all’insegna della qualità e della convivialità: l’8-9 novembre tanti gli eventi  per un turismo del vino che cresce popolato non solo dai Millennials, i nati tra il 1981-1998, ma come sempre dai “ veterani”, i nati tra il 1965 e 1980. Secondo il rapporto curato da Raffaella Garibaldi  il turismo del piacere, quello in cui fa da padrona il cibo e il vino, è aumentato del 45% di questi il 56%  è attirato dalla possibilità di visitare le cantine. E in questo in nostro paese offre di tutto e di più Iniziamo da Roma con l’evento curato da Eataly Wine Festival  nella sede di Piazzale Ostiense dove l’attenzione è rivolta al “ Vivaio dei piccoli produttori” una realtà  che produce vini di qualità in grado di proteggere e salvaguardare sapori, tradizioni, biodiversità e territori dimenticati. 50 etichette in una grande area appositamente allestita e degustazioni di vini senza solfiti e di vitigni rari. Sempre nella capitale Excellence 2019: 100 chef per la settima edizione di questo evento che andrà in scena dal 9 all’11 novembre alla Nuvola dell’Eur con tante presenze tra cui la nuova stella Michelin Francesco Apreda ospite di Luigi Cremona

Raccontare Merano Wine Festival è riduttivo tanto questa esperienza è totalizzante, ricca di eventi, incontri, premi, presentazioni, chef,  giornalisti, winelovers. Bisogna partecipare , entrare in questa atmosfera   di professionalità, passione ,voglia di raccontare e far conoscere le eccellenze enogastronomiche del nostro paese SENZA DIMENTICARE  che la vera protagonista è lei MERANO, calda,  accogliente, luccicante di suoni e luci, gioiosa nell’offrire a quanti vivono i 4 giorni( 8-11 novembre)  il meglio dei vini e dei cibi accuratamente scelti e selezionati dal patron di Merano Festival Helmuth Köcher e dalla sua attenta e prestigiosa equipe. Ritorna ampliato e ricco di novità il Fuorisalone di Merano Wine Festival: l‘inconfondibile tappeto rosso di Corso Libertà che combina prodotti d’eccellenza e intrattenimento, ospitando alcune delle migliori realtà enogastronomiche italiane e internazionali.   Vera e propria vetrina di prodotti d’eccellenza, Fuorisalone Merano WineCitylife propone tutti i giorni dall’8 all’11 novembre, dalle 10.00 alle 20.00, degustazioni, focus ed experience dedicate a territori, aziende e produttori emergenti del panorama italiano. Iconico lo spazio dedicato a Tannico, un originale Double Decker - il bus inglese a due piani - trasformato in wine&cocktail bar, dove ogni giorno due Master Experience propongono degustazioni di bottiglie ricercate, annate eccezionali, perle rare italiane e francesi; oltre

145 anni non sono pochi: tanti ne celebra il 9 Novembre la Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige. Nata il 12 gennaio del 1874 per volere  della regione austro-ungarica del Tirolo, è diventata punto di riferimento nazionale e internazionale per la formazione, ricerca scientifica, sperimentazione e informazione nel settore agricolo, ambientale e agroalimentare. Il 10 novembre Porte Aperte a tutti i cittadini, gratuitamente, con laboratori, visite guidate, stand innovativi e ristorazione.

A Bra dal 20 al 23 di settembre , la manifestazione internazionale più importante organizzata da Slow Food:protagonisti  i formaggi, ma con una marcia in più :si immagina  il futuro del cibo , della biodiversità, dell’ambiente, dell’uomo. C’è da perdere la testa tra i tanti eventi, appuntamenti culturali, showcooking, dove si parla e soprattutto si porta a conoscenza del pubblico i tanti perché e aspetti del formaggio: tatto, gusto, e olfatto , stagionatura e ora anche  e soprattutto il naturale. Come osserva Massimo Montanari, il più grande storico del cibo italiano, bisogna riconsegnare ogni prodotto alla propria storia e al proprio territorio :   al naturale cui Slow Food ha sempre dedicato grande attenzione. Quindi vini senza lieviti selezionati, pani a lievitazione naturale, ma anche formaggi senza fermenti selezionati, salumi privi di nitriti e nitrati preservando di ognuno la biodiversità invisibile fatta di batteri, enzimi, lieviti verso cui produttori sensibili mostrano interesse aprendo la strada a consumi equilibrati sani e sostenibili.  Tante le virtù dei formaggi a partire da quelli da erba: una risposta all’abbandono degli alpeggi di montagna con ricaduta sull’ambiente e sulla ricchezza dei pascoli. Ancora formaggi a latte crudo, formaggi che provengono da tutto il mondo e un 

Tre giorni con i sapori e le eccellenze della tradizione italiana Tre e diciannove: sono i numeri del Festival della Cucina Italiana in programma a Pesaro dal 20 al 22 settembre. Tre sono le edizioni consecutive nella città di Gioachino Rossini, così come tre sono i giorni all’insegna dei buoni sapori. Diciannove sono le edizioni di questo evento che quest’anno si concentra su un ambiente maggiormente conviviale con oltre 300 posti a sedere attorno a grandi tavoli rotondi illuminati da centinaia di lucine nella centralissima piazza del Popolo, alla presenza di 25 cuochi dell’Accademia Nazionale Italcuochi, coordinati dallo chef Luca Angelini, presidente della sezione romagnola del sodalizio.  Saranno loro gli ambasciatori del gusto della tre giorni a Pesaro, in un portfolio di proposte per tutti i palati: il gran fritto dell’Adriatico, la polenta Taragnadella Lombardia proposta con i funghi Cardoncelli pugliesi, dalla Sicilia non mancano arancini e cannoli, così come dalla Romagna arrivano gli arrosticini fatti a mano e la speciale porchetta di allevamento locale, insaporita e cotta alla brace direttamente dai pastori; senza dimenticare il caffè d’autore, come quello verde, celebre per le sue proprietà antiaging, presentato da Lady Cafè.  Il Festival è coordinato da La Madia Travelfood - oggi inserita nel