a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
HomeArticoli taggati"vino"

vino Tag

Per avere un’idea di cosa ci riserva il futuro, bisogna osservare i trend e le abitudini dei più giovani. È così per tutti i settori, e non fa certo eccezione quello del vino;  i dati  forniti da Vinitaly, sono  i millennials ad avere in mano la fascia di mercato con più bevitori, in questo caso ben il 42% del totale. Nel 2015, ad esempio, i millennials sono stati la fascia di persone che ha effettuato spese per il vino superiori a qualsiasi altra categoria merceologica.

Sul suolo italico centro-settentrionale, tra i primi a coltivare il vino furono gli Etruschi mentre al Sud i colonizzatori Greci della Magna Graecia  diffondevano l’uso della vitis vinifera lungo il bacino del Mare Nostrum. I Romani raffinarono le tecniche di produzioni: introdussero l’uso delle botti e diramarono le coltivazioni enologiche soprattutto dopo le vittorie nel periodo repubblicano su Sanniti e Punici.

Calma, pace interiore, tecniche di rilassamento perché non associarle a quel viaggio esperienziale che è il vino in un crescendo di aromi, sensazioni , voluttà  cui non sono affatto estranee le vie del sistema nervoso. Non perdiamo la calma, non facciamo un trattato di  scienza ma è sempre più accreditato che dopo l’udito, è  la vista il primo organo sensibilizzato dai colori del vino stimolati dal sistema nervoso.

Sono stata presentati recentemente i dati della ricerca IRI per Vinitaly sui vini in Italia. Ne è emerso che nel 2018 i vini più venduti sono stati vini di alta qualità come i Doc ed i Docg, gli spumanti, i vini biologici ed i vini a marchio dell’insegna distributiva, mentre il canale di vendita principale si riconferma la Grande Distribuzione Organizzata, con un totale di ben 619 milioni di litri di vino venduti, per un valore di 1 miliardo e 902 milioni di euro.

Sono sempre meno gli americani che bevono vino almeno una volta al mese. A rivelarlo è un rapporto di Wine Intelligence US, con il suo rapporto Landscapes 2019. Quello americano è il mercato più vasto al mondo, e sta facendo registrare un calo della popolazione consumante e della relativa frequenza di consumo. A determinare questo trend sarebbero i cosiddetti “Millennials”, vale a dire giovani sotto i 35 anni.

La manifestazione, giunta alla decima edizione,è un imperdibile incontro per conoscere nuove realtà produttive Italiane difficilmente raggiungibili,a volte per ristretta capillarità distributiva e a volte per il limitato numero di bottiglie prodotte, anche per la possibilità di mettere in gioco le proprie papille gustative, assaporando i diversi e ricercati gusti e profumi, trasmettendo al degustatore nuove emozioni.