a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Tutti i colori del vino

Quando si parla del “nettare degli dei” è logico pensare ai colori rosso, bianco e rosè. I pochi e intenditori sanno che ne esistono altri, quelli arancioni o meglio gli orange wine, vini bianchi macerati. E in autunno sembrano essere quelli più adatti per “fare pandance al foliage”.

Conoscete tutti i colori del vino? Chiunque direbbe…beh sì. In effetti, i più conosciuti sono i rossi, i bianchi e i rosè. Ma da alcuni anni i vignaioli naturali con la passione per il recupero delle tradizioni hanno riportato in tavola un quarto colore, l’arancione! Vini da uve a bacca bianca che assumono mille sfumature color arancio: dall’ambrato all’arancione pieno fino al bronzo, grazie al prolungato contatto delle bucce dell’uva prima con il mosto, poi con il vino.
Una classica vinificazione come si usa per i vini rossi: le bucce dell’uva cedono le sostanze in esse contenute rendendo il vino molto più complesso e intrigante sia al naso che in bocca. Ed è la buccia che permette di esprimere la vera identità del vino. La macerazione sulle bucce per i vini bianchi è una tradizione antica, contadina, sparita o quasi con l’avvento di nuovi macchinari di cantina che permettono di eliminare le bucce immediatamente. Una tradizione partita dalla Georgia dove i contadini lasciavano macerare l’uva con le bucce all’interno di anfore di terracotta e ripresa anche nelle campagne italiane dove il vino contadino è da sempre lasciato “struggersi” con le proprie bucce più o meno a lungo.

Il Friuli Venezia Giulia è stato il pioniere di questa tecnica seguito subito da Emilia Romagna, Veneto e Liguria luoghi dove ancora oggi vige una tradizione e le uve bianche vinificate in casa sono tradizionalmente macerate. Ma a dispetto della sua origine “contadina” cioè semplice, l’Orange non è un vino facile perché è complicato da abbinare. Qualcuno oserebbe dire…. come una donna.
Ebbene come il gentil sesso è unico, intrigante, inebriante e sicuramente può affascinare quanti sono alla ricerca di novità.

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino