a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Un aperitivo? Sì grazie uno spritz. Ma oggi c’è un’alternativa.

Marie Brizard, una francesina con classe e tanto pepe secondo una leggenda, soccorse un marinaio trovandolo in terra ammalato in una piazza di Bordeaux e lo portò in casa per curarlo. Per sdebitarsi, il marinaio le lasciò in dono una ricetta che divenne famosa con il nome di  Anisette. Era il 1750 e gli aristocratici francesi iniziarono a sorseggiare quella bevanda che da allora come la Marianne è divenuto uno dei simboli francesi.

Oggi Marie Brizard è una tra le aziende più conosciute ed apprezzate del mondo, grazie ad un’ampia gamma di distillati e liquori in grado di soddisfare qualunque palato. Tre le tante etichette, quella dell’Anisette è però la più conosciuta. Noi italiani lo chiamiamo semplicemente “anice” ma questo liquore  è molto di più. La sua ricetta, unica, segreta e immutabile da oltre 250 anni, si avvale di un sottile assemblaggio di undici piante e spezie che danno come risultato un liquore elegante che, anche grazie alla doppia distillazione, dona al prodotto un bouquet raffinato e complesso di aromi, morbido, con un delicato equilibrio fra zucchero e alcool. E poi è rinfrescante, per merito dell’anice verde del bacino mediterranea

I palati più raffinati la bevono pura e semplice o  “on the rocks”  con uno schizzo di limone fresco ma può essere anche utilizzato come ingrediente base per cocktail nuovi e rinfrescanti o in sostituzione dell’ormai strausato spritz. Io ad esempio l’ho degustata con succo di limone spremuto, mezza fetta di arancia, mezza fetta di limone e acqua tonica.

 

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino