a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Viaggio nel gusto firmato Vinòforum

Prosegue a Roma il suggestivo viaggio nel gusto firmato Vinòforum, la storica manifestazione dedicata all’eccellenza enogastronomica in scena fino a domenica 23 giugno nell’area verde, di oltre 12.000 mq, situata all’interno del Parco Tor di Quinto, a solo pochi passi da Ponte Milvio.

Sempre presenti nei banchi d’assaggio le circa 500 cantine vitivinicole provenienti dall’Italia e dal Mondo, per un totale di oltre 2.500 etichette disponibili in degustazione.


Continua il turnover delle Cucine a Vista, pronte ad offrire il meglio delle tavole del Bel Paese. Nei temporary restaurant di Vinòforum, selezionati con la collaborazione di Luigi Cremona, sarà possibile assaggiare piatti d’autore a prezzi assolutamente “democratici”.
“Abbiamo voluto -dice a vinosano Luigi Cremona- offrire la varietà e versatilità della nostra ristorazione: dai grandi chef stellati, alla cucina femminile, dai giovani emergenti, alle osterie, ai pizzaioli per un totale di trenta chef che si alternano ogni due sere.
Ognuno di loro ha a disposizione tre piatti che non devono per forza essere un primo, un secondo e un dolce, ma che rappresentano la loro arte culinaria. Una location splendida, prosegue Luigi Cremona, che vede al centro questo blocco direi creativo e molto interessante a prezzi veramente competitivi che vanno dalle sette euro a poco più”.

Lunedì 17 è stato il turno di: Mercerie, di Igles Corelli e Viviana Marrocoli (Roma), Aroma, di Giuseppe Di Iorio (Roma), Materia Prima, di Fabio Verrelli D’Amico (Pontinia – LT), La Parolina, di Iside De Cesare (Acquapendente – VT), Moma, di Andrea Pasqualu.

Martedì 18 e mercoledì 19 giugno, cambio della guardia con: Il Silene, di Roberto Rossi (Seggiano – GR), Casa Iozzia, di Lorenzo Iozzia (Vitorchiano – VT), Cu_Cina, di Stella Shi (Roma), Giulia Restaurant, di Pierluigi Gallo (Roma), Satricum, di Maximiliano Cotilli (Latina), Ristorante Belvedere dal 1933, di Alain Rosica (Frascati – RM).

Giovedì 20 sarà possibile gustare le creazioni di: The Flair, di Alessandro Caputo (Roma), Pipero, di Ciro Scamardella (Roma), Indaco, di Pasquale Palamaro (Ischia – NA), HUB, di Leonardo Marongiu (Macomer – NU), Andy Luotto (Roma), La Galleria Di Sopra, di Claudio Carfagna (Albano Laziale – RM).

Abbinamenti all’altezza della situazione grazie agli Champagne di alcune delle Maison più importanti al Mondo: Dom Pérignon, Krug, Veuve Clicquot, Moët & Chandon, Ruinart.
Ancora ricchissimo il calendario di The Night Dinner: le cene esclusive (con posti limitati e solo su prenotazione) per le quali alcuni tra i migliori cuochi d’Italia si esibiscono insieme ai vini di aziende top level. Lunedì 17 giugno è salito palco, in compagnia della cantina veneta Barollo, il talentuoso Alessandro Capponi (Host – Fiumicino, RM). Martedì 18 sarà il turno dello stellato colombiano Roy Caceres (Metamorfosi – Roma) e delle prestigiose etichette firmate Banfi Montalcino. Mercoledì 19 arriva il tedesco, ormai italiano d’adozione, Oliver Glowig (Barrique – Monte Porzio Catone, RM), che abbinerà i propri piatti ai vini di Banfi Piemonte. Giovedì 20 coppia ad alto tasso di estro e fantasia composta da Massimo Viglietti (Enoteca Achilli al Parlamento – Roma) e dallo Champagne Joseph Perrier.

Per gli amanti della pizza ecco i Maestri in Cucina selezionati da Ferrarelle, grandi chef e maestri pizzaioli protagonisti Federico Ferrari (Mirepuà – Alessandria) e il pizzaiolo Massimo Giovannini (Apogeo – Lucca). Martedì 18, insieme a Fattoria Pagano, sarà il turno di Giuseppe Milana (Umami – Roma) e Luigi Cippitelli (Pizzeria Cippitelli – Napoli). Mercoledì 19 ecco Salvatore Avallone (Cetaria – Salerno) e Ivano Veccia (Qvinto – Roma), con una selezione di cantine del Sannio e di Benevento. Giovedì 20 giugno invece sarà la volta di Luca Belliscioni (Sesamo Pizza e Cucina – Roma) e Marco Quintili (Pizzeria Quintili – Roma) sempre in abbinamento con i migliori vini delle cantine di Vinòforum.

Da capogiro il programma delle Top Tasting. Lunedì 17 interessantissima è stata Verticale di Vintage Tunina della Cantina Jermann: Il Vino Simbolo Del Friuli. Martedì 18 focus su un altro vino simbolo di una regione: Kellerei Terlan: Verticale di A.A. Vorberg Pinot Bianco Riserva.
E a proposito di aziende iconiche, mercoledì 19 sarà il turno di Ca’ Del Bosco, con 5 Grandi Annate Di Vintage Collection Dosage Zerò Ca’ Del Bosco. La Più Pura Espressione Della Franciacorta. Giovedì 20 è straordinario l’appuntamento con uno dei territori viticoli più importanti al mondo: La Borgogna, in un viaggio da Santenay a Corton. Nei prestigiosi terroir della Maison Vincent Girardin.

Lezioni sul vino e sull’olio extravergine d’oliva vanno in scena nell’area Vinòforum Academy, grazie anche alla Evoo School Italia (scuola promossa da Coldiretti, Unaprol e Campagna Amica). Mentre assaggi speciali all’interno del parco sono firmati da diverse realtà gastronomiche d’eccellenza, dal caviale alla pasta, passando per la carne, i dolci e i gelati. Per gli operatori del settore l’appuntamento è invece nella Business Lounge, dove, fino a mercoledì 19 sarà possibile incontrare aziende del calibro di Balan,
Ca’ Del Bosco, Jermann, Kellerei Terlan; giovedì 20 invece, riflettori puntati sulla cantina toscana Fabbrica Pienza.

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino