a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

YOGAWINE: la nuova esperienza sensoriale nel mondo di Bacco

Calma, pace interiore, tecniche di rilassamento perché non associarle a quel viaggio esperienziale che è il vino in un crescendo di aromi, sensazioni , voluttà  cui non sono affatto estranee le vie del sistema nervoso. Non perdiamo la calma, non facciamo un trattato di  scienza ma è sempre più accreditato che dopo l’udito, è  la vista il primo organo sensibilizzato dai colori del vino stimolati dal sistema nervoso.

Poi arriva il tatto:  si, perché quando  tocchiamo il bicchiere e lo teniamo in mano facendolo ruotare, ci predisponiamo all’olfatto, e anche qui  il nostro cervello lavora e lavora di più quando odoriamo dall’esterno perché oltre alla classica sensazione olfattiva si ha quella che tecnicamente si chiama retro nasale, le molecole  odorose non arrivano attraverso le narici ma dalla parte posteriore della bocca al naso, una sorta di secondo olfatto che scatena un gran numero di aree cerebrali in grado di cogliere le molecole volatili, le più interessanti e preziose. Poi certo viene il gusto, dove tutto si mescola anche se entra in gioco il palato.

Ma lo yoga dove è finito? Se lo yoga arriva dall’India ed è una pratica meditativa, il rapporto tra vino e mente  si è sviluppato  in Occidente. Eschilo scriveva che il vino è lo specchio della mente, Pindaro che eleva pensiero e animi, Edoardo VII che il vino non solo si beve ma si annusa,, si osserva e si gusta. Ma fermiamoci qui.. “ Per scoprire il vino,  è necessario un percorso meditativo-sensoriale che si realizza attraverso il proprio corpo e la propria mente”. Lo ha detto un filosofo, un esperto di arti meditative, un giornalista che ha girato il mondo?.. ma siamo più pratici, l’esperimento è stato lanciato dall’azienda Barberis di Coremilla, piccolo centro dell’Alta Langa.. non è una trovata solo pubblicitaria: ora molte aziende vitivinicole lo hanno adottato facendo partecipare a una sessione di yogawine.

Partiamo dal concetto che bisogna predisporsi con la mente e con il corpo.. alla degustazione. Quindi il percorso prevede, visite ai vigneti e terrazzamenti.. con calma,  poi lezione sui ritmi della natura, potatura e gioia della vendemmia. Al termine si rimane sul posto davanti a un calice vuoto messo prima dal titolare.
E allora , dicono gli yoga wine, tutto diventa armonico e equilibrato: vista, udito, olfatto e gusto .

Monica Assanta, Giornalista  

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino