a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Zenzero e frutti di bosco: i preferiti tra i beni alimentari

Zenzero e frutti di bosco, le new entry, tra i prodotti alimentari  preferiti dagli Italiani: sono tra le non poche novità del paniere Istat, l’insieme di beni e servizi rappresentativi dei reali consumi delle famiglie in uno specifico anno.

Tralasciando il calo dei CD e DVD, nel 2018, come delle lampadine a risparmio energetico, il maggior utilizzo di scooter sharing, cuffie con microfono e web tv, perché proprio zenzero e frutti di bosco  hanno raggiunto un  così alto gradimento?Lo zenzero è un autentico boom,  annunciato – visto il suo costante aumento di consumo – i frutti di bosco, nonostante l’alto costo, è considerato ”superfood” ovvero  prodotto del benessere.

Iniziamo da questi ultimi:  sicuramente hanno un marcia in più come dimostrato da  recenti ricerche,  nella prevenzione delle malattie del fegato, diabete e cardiovascolari. I mirtilli hanno un alto potere antivirale per la presenza di determinati tannini in grado di inattivare batteri e  virus , oltre all’azione degli antociani (ma anche di altri elementi,) che proteggono le pareti dei vasi sanguigni e non è un caso il loro utilizzo in cosmetica per la capacità di migliorare il microcircolo cutaneo..
Frutti freschi, schiacciati , succo: a giovarsene la vista e in genere le funzioni cerebrali (sempre  loro, gli antociani). La ricerca non si ferma ai mirtilli: i frutti di bosco contemplano anche  ribes, chiamata  l’uva in miniatura, le cui bacche (gli avveduti le coltivano in giardino) hanno un effetto antibatterico e sono un vero elisir di lunga vita, in particolare il succo, perché da esperimenti su animali hanno prolungato notevolmente l’aspettativa  e la qualità di vita di questi animali. Ancora Olivello Spinoso, ricco di collagene, super favorito per mantenere la pelle sana (purtroppo impossibile a trovarsi fresco ma in negozi specializzati sotto forma di succhi) e la bella , rossa fragola ottima per i dolori articolari ma soprattutto per l’alto contenuto di antociani e antiossidanti.

E lo zenzero? Facile ormai a trovarsi, di largo impiego per tisane, frullati, nella preparazione di cibi: insomma un tocco in più che regala un che di speziato e di salute, a basso costo. L’elenco dei pregi dello zenzero non è da poco: intolleranze alimentari,  raffreddore e tosse, digestione, nausea, mal di gola, artrite, mal di testa, dolori muscolari, ulcera e reflusso gastroesofageo.  E poi perché non credere alle potenzialità di questa pianta erbacea dell’Asia Tropicale dal cui rizoma si ricava questa spezie aromatica e piccante che tanto era considerata dallo stesso Confucio (V  sec A.C.) perché schiariva la mente e eliminava le impurità. Già allora!

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino