a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Le Valli del Vino e del Racconto – Strada del Recioto e i Vini di Gambellara Doc

L’itinerario si snoda lungo la bassa Valle del Chiampo, ai confini tra il territorio vicentino e quello veronese, dove terminano i Monti Lessini. Le colline scoscese disegnano un paesaggio straordinario, tappezzato da terreni friabili e fertili, formati da basalti e tufi terrosi di origine vulcanica, che regalano alla vite un patrimonio intenso di aromi e sapori.

La coltivazione dei vitigni nella zona risale all’epoca di Etruschi e Atesini, divenendo sempre più intensa nel periodo dei Romani. Grazie alla presenza di minerali, qui crescono la Garganega, esclusiva del Veneto occidentale, e il Trebbiano del Soave che danno vita al Gambellara: un vino bianco, strutturato e multiforme.

La Strada del Recioto prende il via in pianura, alle porte di Gambellara. Oltre ai vini pregiati, questo luogo conduce ad alcuni fra i più suggestivi edifici-simbolo della storia e della cultura del luogo. È il caso della Mason, monastero dei Cavalieri Templari, in origine mansio romana sull’antica Via Postumia, o del campanile romanico della Chiesa di San Giorgio che conserva importanti opere d’arte rinascimentali.

Gambellara si scorgono antiche corti e residenze nobiliari, come Palazzo Cera, oggi sede del Consorzio di Tutela e della Strada del Vino.

Attorno alla Parrocchia di San Pietro sorge la Casa Vinicola Zonin, una delle più importanti aziende vinicole private d’Italia, meritevole di una visita per le sue collezioni di calici, cavatappi, antichi proclami e francobolli enologici. La sede storica Zonin di Gambellara, inoltre, ospita il Museo del Vino che espone una rassegna di torchi, carri vinari e altre collezioni di grande interesse.

Dal paese si sale fino alla dorsale panoramica tra la Val Fonda e la Val di Selva, nel cuore della “zona classica” (ovvero la zona collinare, dove le condizioni di sviluppo della vite sono più restrittive). Procedendo lungo il percorso si scorge il torrente Rio e l’antico confine tra Vicenza e Verona: qui, tra tratti tortuosi e costeggiati da uliveti e vigneti, si distinguono i Colli Berici ed Euganei, e nelle giornate più soleggiate, si possono intravedere la laguna di Venezia e l’Adriatico.

Arch. Mariagiovanna Basile

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino

Nessun commento

Siamo spiacente, i commenti non sono aperti per questo articolo