a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

Il Maestrale di Fattoria Mantellassi: prestigiosa etichetta per il Ciliegiolo Toscano DOC

Rosso, come il prezioso rubino, come il colore della passione e con il suo profumo, intenso e fruttato che ricorda i petali di rosa

Troppa enfasi per un vino? Ebbene, forse lo “spirito” ha preso un po’ la mano ma, anche per i meno romantici, il Maestrale di Fattoria Mantellassi svela le sue straordinarie peculiarità ai palati più esigenti.

Questo Ciliegiolo Toscano DOC della Maremma toscana – che deve il suo nome alle piacevoli note di ciliegia che è possibile percepire nei profumi, nel gusto morbido e nel colore deciso e vivace – è infatti un vino fresco, profumato, dai riflessi porpora e dal profumo intenso e fruttato. Avvolgente e molto equilibrato ha un retrogusto sapido, di buon corpo e armonico. Perfetto con il caciucco, il famoso piatto della cucina toscana, si sposa altrettanto bene con piatti più leggeri, anche di pesce, oltre a primi e a secondi di carne.

Per un vino così, ci voleva proprio un’etichetta speciale e la scelta di Fattoria Mantellassi è caduta proprio su quell’intenso Maestrale che attraversa le vigne maremmane dell’azienda. Un vento tipico della zona, asciutto e fresco, considerato un valido aiuto per uno sviluppo ottimale delle viti e una buona maturazione delle uve. Ma non è tutto. Grazie alla sua capacità di asciugarle dall’umidità, fa sì che si possa evitare l’uso di trattamenti antiparassitari.

Tutto questo non fa che confermare l’impegno ambientale di Fattoria Mantellassi. Un impegno suggellato dalla sua adesione a Green Care, un progetto messo a punto dalle Camere di Commercio per valorizzare la competitività tra i produttori vinicoli attraverso la sostenibilità ambientale e il rispetto per la natura avendo come obiettivo finale il benessere del consumatore.

Va ricordato che i Mantellassi,provenienti dal pistoiese, si trasferirono nella zona di Scansano e Magliano intorno al 1860 dove esercitarono il mestiere di “potini” ed innestini”. Da sempre vignaioli, nel 1960 iniziarono l’impianto dei primi quattro ettari di vigneto in località Banditaccia, fino agli attuali cento. Questi si estendono su alcuni dei tanti colli della Fattoria, in terreni di natura tufaceo-calcarea con una base ampelografica costituita prevalentemente dal vitigno Sangiovese, poi dai vitigni Alicante, Cabernet Sauvignon, Morellino, Merlot, Canaiolo Nero, Malvasia Nera, Vermentino Bianco, Sauvignon Bianco.

 

Stefania Bortolotti, Giornalista
Info: www.fattoriamantellassi.it

Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino

Nessun commento

Lascia un commento