a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

A Giuseppe Battiston il premio Giacomo Casanova

Va all’artista Giuseppe Battiston il Premio Casanova 2019, “per essere stato un formidabile ambasciatore del Friuli Venezia Giulia attraverso scelte e performance attoriali intense e appassionate.

Per aver spesso valorizzato, con le sue interpretazioni, la sana cultura del vino come strumento di socializzazione e convivialità”. Il premio, promosso dall’Associazione culturale Amici di Giacomo Casanova con l’Azienda Castello di Spessa  e Civibank è stato conferito all’artista nella serata di venerdi 17 luglio nella sede dello splendido Castello. Il premio si è sempre distinto per l’ eccellenza dei personaggi  e delle tematiche scelte: dalla Letteratura( 2003-2009) al Cinema ( 2010-2011) alla Musica( 2012 2 2014) al Teatro( 2013)  al Friuli Venezia Giulia ( 2015)-. Curatrice del premio Barbara Borraccia,Presidente Civibank, Michela Del Piero.

Classe 1968, Giuseppe Battiston è senz’altro uno degli attori più amati, e più rappresentativi del cinema italiano contemporaneo. Premio Ubu 1997, 2008 e 2009, Premio David Donatello 2000 per “Pane e Tulipani”, 2009 per “Non pensarci” e 2011 per il film “La passione” che gli è valso anche il Premio Alberto Sordi Bif&st 2011, Giuseppe Battiston ha vinto il Nastro d’Argento 2016 con il cast di uno dei più fortunati film dell’ultimo decennio, “Perfetti sconosciuti” e ha lavorato con i più significativi protagonisti del cinema d’autore italiano contemporaneo. Il premio è stato conferito  dal presidente di Castello di Spessa Soc. Agricola a.R. L. Loretto Pali e da Civibank, l’istituto che sin dalla prima edizione ha affiancato i promotori del Premio per sostenere un progetto profondamente radicato nel territorio e quindi in sintonia con la sua mission.

Il Castello di Spessa è stato uno dei luoghi preferiti da  Giacomo Casanova che vi ha soggiornato per un paio di mesi nell’autunno del 1773 . Pur essendo riconosciuto per le abilità di grande seduttore, Casanova è stato uomo di spicco nella cultura settecentesca ,“uomo di una multilateralità stupefacente per noi moderni” (Hermann Hesse: quindi non solo un avventuriero, celebrato amatore, spia dell’inquisizione veneziana, ma anche e soprattutto un cosmopolita intellettuale che scrisse ben 43 opere, traducendo Omero e inventando diversi generi letterari.

Anche quest’anno la Serata Casanova, condotta dalla giornalista Sabrina Vidon, ha proposto una conversazione legata ai temi dell’agroalimentare : “Vino e clima: la sfida e la seduzione della sostenibilità” è il filo rosso della conversazione che ha preceduto  la consegna del l Premio Casanova 2019  con  due veri luminari: il Premio Nobel Filippo Giorgi, climatologo di fama mondiale  e il docente e storico dell’enologia Attilio Scienza, fra i maggiori esperti mondiali di viticoltura. A coordinare il talk  “ Doctor Wine “ Daniele Cernilli   una delle personalità più influenti in ambito enologico internazionale assieme a  Mariella Trimboli, direttore di Top Taste, autrice di ricettari e nota esperta di enogastronomia.

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino