a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
 

L’Italia è prima in Europa nell’Agricoltura di qualità!

Italia batte Spagna, Francia, Germania e Regno Unito: non è il tabellino di una partita dei mondiali, ma lo splendido risultato ottenuto dal nostro paese nella sfida all’agricoltura virtuosa.

I dati provengono da Linkiesta.it e raccontano di una Italia prima in classifica con le più basse emissioni di gas serra (-46% in meno rispetto alla media Europea), molto meglio proprio di Spagna (+25% rispetto l’Italia), Francia (+91%), Germania (+118%) e RegnoUnito (+161%). Non solo: il nostro paese vanta anche il primato in Europa del minor numero di prodotti agroalimentari con residui di pesticidi (0,48%), dato più basso di 7 volte rispetto ai prodotti della Francia, e 4 volte rispetto a quelli di Spagna e Germania.

Nel Belpaese poi sono 64210 i produttori certificati biologici, anche in questo caso primi in Europa, seguiti da Spagna (36207 produttori) e Francia (32.264produttori). Ultimo dato quello relativo alla ampiezza della superfice coltivata a biologico, ben 1,8 milioni di ettari, che ci colloca al sesto posto nel mondo in questa speciale classifica.

Qualità, tracciabilità, legame con il territorio, sono solo alcuni dei fattori che rendono il comparto agricolo italiano, insieme ad altri settori del Made in Italy, l’espressione di una Italia innovativa, che può dire la propria ed essere competitiva nel business, oltre che protagonista sul tema del clima. Dati entusiasmanti che testimoniano come la strada intrapresa dal nostro paese sia ancora una volta quella virtuosa; se a tutto questo si aggiunge poi che 55.331 delle aziende biologiche al momento operanti in Italia sono dirette da giovani sotto i 35 anni, il quadro, che raffigura quello di un paese pioneristico ed all’avanguardia su uno dei temi chiave a livello mondiale come quello della sostenibilità e qualità produttiva, è davvero completo, perché include, nella propria visione, anche quella del futuro.

Claudio Chiricolo

Tag degli articoli
Condividi sui social network
Scritto da

VINOSANO nasce nel 2014 come naturale proseguimento di VIVERE FRIZZANTE, edito Diabasis, un saggio di Emanuela Medi giornalista scientifica che ha voluto indagare sul rapporto ”vino e salute”. Dati, ricerche , interviste hanno messo in luce i tanti aspetti positivi per la salute, ma anche negativi della più antica bevanda della storia. Ma allora, come oggi, il bere positivo ha un significato più profondo: parla di noi. VIVERE FRIZZANTE come VINOSANO: un percorso nella trasversalità del vino