a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
HomeArticoli taggati"le donne del vino"

le donne del vino Tag

Certo non stanno ferme le donne del vino: vulcaniche imprenditrici, giornaliste, Pr e chi più ne ha ne mette, il loro impegno è notevole e nel 2020 con una particolare attenzione alle colleghe under 30. Si sviluppa da qui il Progetto Future:dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del Cile che cresce e si espande a livello internazionale. Si tratta di un ventaglio di opportunità formative proposte dalle aziende delle Donne del Vino italiane alle under 30 . . Quest’anno verrà arricchito con le offerte delle Donne del Vino estere incontrate durante il primo meeting mondiale che si è tenuto in novembre al Simei 2019, coordinato da Tiziana Mori, con l’obiettivo di creare un network internazionale di scambi e confronto di esperienze. Tra le offerte formative del 2020 per le Donne del vino, anche i corsi di Wset Wine & Spirit Education Trust, riconoscimento internazionale di educazione al vino: il primo corso è organizzato in Piemonte, a Gavi, dal 21 al 23 febbraio. L’ambiente è il tema scelto con l’avvio del progetto” Donne in classe  A” con Enea Federsco sull’innovazione e il risparmio energetico in cantina . WWW.LEDONNEDELVINO.COM

DAL 6 AL 13 OTTOBRE L’ASSOCIAZIONE SARÀ ALL’EVENTO MILANESE CON UN CALENDARIO RICCO DI EVENTI: UN’ASTA DI BOTTIGLIE, UNA DEGUSTAZIONE NELLA VIGNA DI LEONARDO, L’USCITA DE «IL PANETTONE E L’ARTE DEL VINO» E L’ANTEPRIMA IN CORSO BUENOS AIRES DELLA VERA STRADA DEL VINO OLIMPICA 2026 Le Donne del Vino partecipano alla Milano Wine Week, decine di eventi dal 6 al 13 ottobre in centro città. Raccogliendo l’invito del vulcanico presidente Federico Gordini, l’Associazione nazionale guidata da Donatella Cinelli Colombini, ha tantissimi appuntamenti in calendario. Uno su tutti è un assaggio di quella che sarà, nel 2026, la vera Strada del vino olimpica Milano-Cortina, idea geniale di Gordini «che riproporrà un percorso attraverso i territori del vino, facendo tappa nelle cantine da Milano a Cortina, luogo delle Olimpiadi invernali, e crea un nuovo tipo di turismo del vino legato agli sport invernali». Un’idea che troverà un’anticipazione domenica 13 settembre, in Corso Buenos Aires quando cantine lombarde, venete e del Trentino Alto Adige offriranno i loro vini in assaggio all’interno dei negozi della celebre arteria milanese che, per un giorno, si trasformerà nella prefigurazione della Strada olimpica Milano-Cortina 2026. Il ricavato della giornata andrà all’AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) «Un appuntamento a cui non potevamo

Giornata importante per le Donne del Vino, l’associazione che rappresenta 890 associate di tutta Italia : audizione presso la Commissione Agricoltura della Camera presidente Filippo Gallinella, per  presentare e discutere del lavoro   e dell’imprenditoria femminile in agricoltura, all’esame in questi giorni presso la Commissione A rappresentare le associate sarà Paola Longo, enotecaria, che affianca come vice la presidente nazionale Donatella Cinelli Colombini. Secondo gli ultimi dati Censis, le donne a capo di aziende agricole coltivano il 21% del SAU, ovvero la superficie agricola utilizzabile ma producono il 28% del PIL agricolo. Dal 2003 al 2017 le donne manager rurali sono cresciute del 2,3% rappresentando l’unico comparto agricolo in positivo ma soprattutto  capace di portare un rinnovamento volto alla diversificazione e alla accoglienza di stranieri con indiscutibile crescita dell’intero settore agricolo. Inevitabile la richiesta di un maggiore impegno del Governo a favore del lavoro e della imprenditoria femminile in agricoltura «. Due gli obiettivi delle Donne del Vino nei prossimi anni: «Formazione e internazionalizzazione . Da tempo, dice la vice presidente Paola Longo siamo impegnate a potenziare le carriere e le capacità  femminili nel marketing e nella comunicazione del vino, oltre che formare la classe dirigente . Occorra creare opportunità per le giovani