a

I Tag di Vinosano
Rubrica di Emanuela Medi
HomeArticoli taggati"olio"

olio Tag

Nel cervello dei mammiferi, in particolare nell’ippocampo ( sede del cervello deputata alla memoria), vengono prodotti nell’arco di tutta la vita nuovi neuroni. Questo processo denominato neurogenesi è indispensabile per la formazione della memoria episodica, come hanno dimostrato recenti ricerche: i nuovi neuroni dell’ippocampo  vengono generati a partire da cellule staminali (o primitive dotate cioè della capacità di trasformarsi in altre cellule) e durante l’invecchiamento ha luogo un calo progressivo di entrambi, che è all’origine di una drastica riduzione della memoria episodica. L’idrossitirosolo, composto naturalmente presente nell’olio extravergine di oliva, ha forti capacità antiossidanti e protettive sulle cellule, ed è noto che diversi fattori, tra i quali la dieta, sono in grado di stimolare la neurogenesi - formazione di nuovi neuroni-adulta. Un team di studiosi, guidati da Felice Tirone in collaborazione con Laura Micheli, Giorgio D’Andrea e Manuela Ceccarelli dell’Istituto di biochimica e biologia cellulare del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibbc), ha ora dimostrato in un modello animale anziano che l’idrossitirosolo inverte  il processo di invecchiamento neurale. Lo studio è pubblicato sulla rivista internazionale Faseb Journal. “L’assunzione orale di idrossitisolo per un mese conserva in vita i nuovi neuroni prodotti durante tale periodo, sia nell’adulto che ancor più nell’anziano, nel quale

Online “La Guida agli Extravergini 2020”, a cura di Slow Food Italia: un percorso tracciato da oltre 100 collaboratori per orientarsi nel complesso mondo dell’olio e conoscere le eccellenze nel nostro paese. Recensiti oltre 948 oli prodotti da 580 realtà italiane tra frantoi, aziende agricole ed oleifici.  La guida  si sviluppa come un racconto lungo l’intero anno 2019, mostrando come siano aumentate le aziende che certificano in biologico il percorso dell’intera filiera con un aumento  (+120 rispetto l’anno precedente) delle adesioni al Presidio Slow e il progetto Food Olio extravergine italiano,  che promuove i valori ambientali, di paesaggio, di salute ed economico dell’olio al cui interno sono vi sono  i produttori che non adoperano fertilizzanti di sintesi e diserbanti di natura chimica. 28 i premi ( riconoscibili con la chiocciola) assegnati ad aziende distintesi per l’aderenza al territorio e per le caratteristiche organolettiche del prodotto. Per quanto riguarda i dati economici, il trend di produzione si è confermato nel 2019 con cali che vanno dal 50% in Liguria sino al 95% sul Garda e gravi difficoltà al Sud Dati positivi invece per il centro che rimane stabile  rispetto il 2018. Interessante il dato della presenza segnalata di produttori che offrono ristorazione (ben

Nel cervello dei mammiferi, in particolare nell’ippocampo ( parte del cervello deputato alla memoria e funzioni cognitive), vengono prodotti nell’arco di tutta la vita nuovi neuroni. Questo processo denominato neurogenesi è indispensabile per la formazione della memoria episodica, come hanno dimostrato recenti ricerche: i nuovi neuroni dell’ippocampo vengono generati a partire da cellule staminali e durante l’invecchiamento ha luogo un calo progressivo di entrambi, che è all’origine di una drastica riduzione della memoria episodica. L’idrossitirosolo, composto naturalmente presente nell’olio extravergine di oliva, ha forti capacità antiossidanti e protettive sulle cellule, ed è noto che diversi fattori, tra i quali la dieta, sono in grado di stimolare la neurogenesi adulta. Un team di studiosi, guidati da Felice Tirone in collaborazione con Laura Micheli, Giorgio D’Andrea e Manuela Ceccarelli dell’Istituto di biochimica e biologia cellulare del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibbc), ha ora dimostrato in un modello animale anziano che l’idrossitirosolo riduce il processo di invecchiamento neurale. Lo studio è pubblicato sulla rivista internazionale Faseb Journal. “L’assunzione orale di idrossitisolo per un mese conserva in vita i nuovi neuroni prodotti durante tale periodo, sia nell’adulto che ancor più nell’anziano, nel quale stimola anche la proliferazione delle cellule staminali, dalle quali vengono generati i neuroni”,

Una delle grandi novità di Olio Officina Festival 2020 è consistita nel mettere in scena, direttamente sul palco, l’olio extra vergine di oliva nell’atto di essere servito da una maître d’hotel. Inutile dire che è stato un grande successo, perché nessuno si aspettava una simile trovata. Un conto infatti è teorizzare, altro è invece mettere in pratica un nuovo modello di presentazione del prodotto. Si è trattato infatti di una vera e propria rappresentazione, che, è bene dirlo, ha lasciato stupefatto il pubblico, anche perché non c’era nulla di didascalico nei gesti e nelle parole, nessuna concessione alla pedanteria. Semplicemente, si sono messe in scena tutte le attenzioni che una materia prima come l’olio ottenuto dalle olive meriterebbe ma che mai finora sono state riposte in un prodotto per molti secondario, sicuramente marginale, perché visto come attore non protagonista, relegato in cucina tra i fornelli, poco idoneo a essere degustato in purezza e raccontato. Eppure, è successo. A crederci, in questa rappresentazione, è stato il direttore di Olio Officina Festival Luigi Caricato, il quale, reduce lo scorso autunno a una manifestazione che si è svolta sui colli bolognesi, a Castel San Pietro Terme, presso il resort di Palazzo di Varignana,

Due anniversari nel nome di un alimento/condimento universale che lega popoli e culture tra loro differenti: il 60° anniversario della categoria merceologica”olio extra vergine dii oliva” e il 10° anno di attività del progetto culturale Olio Officina ideato da Luigi Caricato .Da giovedì 6 a sabato 8 febbraio, teatro dell’evento  il Palazzo delle Stelline a ingresso libero. LUIGI CARICATO PERCHE’ OLIO DEI POPOLI “L’olio non è più  un alimento etnico, meglio ancora mediterraneo, ma internazionale  visto che paesi come il Giappone, la Cina, l’India stanno iniziando a produrlo. In questo Festival  saranno in degustazione oli provenienti dal Giappone, ininmaginabile fino a pochi anni fa e qui vorrei sottolineare un paradosso: il nostro paese produce sempre di meno perché ritiene questa coltivazione non remunerativa , mentre altri paesi come appunto Cina, Giappone, India lo coltivano perché lo  ritengono fonte di reddito. Olio dei popoli come messaggio intercuturale ,veicolo commerciale, declinabile in tante versioni.  Sono particolarmente orgoglioso della collaborazione con l’’Istituto europeo del Design. Saranno infatti gli allievi dello IED di Milano a interpretare con video clip e enormi banner che scenderanno dall’alto sul chiostro il tema della nona edizione di OOF”  QUANTO NE PRODUCIAMO  “Poco: nel 2018, 175 mila tonnellate: ee occorrerebbero 1 milione per

Il protagonista è il panino “Inside Cheeseburger” con Gorgonzola DOP, Asiago DOP, Parmigiano Reggiano DOP, Cipolla Rossa di Tropea Calabria IGP, Pistacchio Verde di Bronte DOP, Provolone Valpadana DOP, Olio Riviera Ligure DOP, Aceto Balsamico di Modena IGP e Pecorino Toscano DOP. È il panino vincitore del Contest My Selection Chef firmato da Joe Bastianich e organizzato in collaborazione con McDonald’s Italia tra due squadre di giovani chef degli istituti alberghieri Carlo Porta di Milano e Giovanni Falcone di Gallarate, il vincitore. 60 ragazzi hanno partecipato al Contest per promuovere le eccellenze gastronomiche nel mondo del fast food. Due squadre e due fasi: un quiz sui prodotti agroalimentari certificati e la creazione del miglior panino con ingredienti DOP IGP. La premessa del Contest è stata la partecipazione dei due istituti alberghieri a programmi didattici del Consorzio di Tutela dell’Olio Extravergine di Oliva DOP Riviera Ligure.  

Pane e olio : una merenda d’altri tempi ma tornata di attualità grazie al progetto nelle scuole di Diano Marina con olio DOP Riviera Ligure. E' così dal primo giorno di questo anno scolastico, le famiglie sono state infatti invitate a fornire ai figli solo il pane per la " Sana Merenda": l'olio DOP lo ha fornito il Consorzio di Tutela dell’Olio Extravergine di Oliva DOP Riviera Ligure. Un progetto che il Consorzio ha sviluppato con l’Istituto Comprensivo di Diano Marina, diretto da Patrizia Brosini, comprendente cinque classi della scuola primaria  e tre sezioni della scuola dell’infanzia “L’Aquilone”. "Con questa iniziativa abbiamo voluto sensibilizzare anche i più piccoli sul tema di una corretta alimentazione dove l'olio, ricco di antiossidanti e di vitamine utili alla crescita, ha un ruolo centrale" - spiega Carlo Siffredi, presidente del Consorzio di Tutela dell'Olio DOP -. L'iniziativa a Diano Marina rientra perfettamente nelle direttive ministeriali volte a migliorare la dimensione nutrizionale dei bambini Un bambino su tre nella fascia 6-9 anni in Italia è sovrappeso o obeso, il tasso maggiore di tutta l'Europa. Il rapporto sulla malnutrizione infantile della Ong Helpcode sottolinea che sono circa 100mila i bambini in sovrappeso nel nostro Paese, con una prevalenza dei maschi

Tanti, giovani, energici i nuovi associati al Consorzio olio extraverigine di oliva   DOP Riviera Ligure : come dice il comunicato stampa, CONOSCIAMOLI, si, ma per noi con note più stringenti. Partendo  da ponente’Azienda Agricola Bassan. Condotta da Demis Bassan e famiglia, che a poche centinaia dal mare punta sui crus, ovvero sulla produzione di olio da una determinata regione vocata DOP Riviera Ligure, dunque, vuol dire possibilità di evidenziare in etichetta la realtà produttiva di singole campagne. A cui tutti gli olivicoltori sono attaccati, conoscendo gli alberi uno per uno. È questa la visione anche dell’Azienda Agricola Cà Sottane, ubicata sempre in provincia di Imperia, a Borgomanaro   Conoscenza dell’olio di oliva, orizzonti produttivi e commerciali, grande storia industriale di Imperia si concentrano in una vicenda quasi centenaria con la ragione sociale Amoretti & Gazzano.  Ci si sposta nel Dianese con una vicenda che ci parla di antichi frantoi ad acqua recuperati lungo il rio San Pietro e ci parla degli olivi il cui frutto veniva molito in quei “gumbi”. Diano San Pietro, i Gumbi del Ponte e da qui l’Olio dei Parilla. Una storia tutta italiana, di creatività, invenzione,  oggetto di culto per gli appassionati  Si va poi nel territorio